Gli auguri di Ferrero (Rc): “Salverei di Berlusconi solo le sue giacche. Lui e Renzi bravi a dare l’elemosina"

29 settembre 2016 ore 16:57, Lucia Bigozzi
Di Silvio Berlusconi di cui è stato agguerrito avversario politico per lunghi anni, salva “solo le giacche”. Nell’intervista con Intelligonews Paolo Ferrero, segretario nazionale di Rifondazione Comunista, usa il fioretto ma il ‘colpo’ che sferra è netto, pure nel giorno degli 80 anni del leader di Fi. 

Sul leit motiv del ‘c’eravamo tanto odiati politicamente’: i miei auguri a un uomo che…

"Che ha fatto un mucchio di danni all’Italia e che confido si occupi della famiglia, come ha fatto il giorno del suo compleanno".

Cosa ricorda della vostra rivalità politica, c’è qualche aneddoto che vuole rievocare? Vi siete mai confrontati di persona?

"No, no mai".

Gli auguri di Ferrero (Rc): “Salverei di Berlusconi solo le sue giacche. Lui e Renzi bravi a dare l’elemosina'
Mai parlati vis à vis in tutti questi anni?

"L’ho incontrato di persona a margine di alcune iniziative, ma non sono elementi significativi".

C’è qualcosa del Berlusconi politico che le è rimasto particolarmente impresso nella sua lunga storia politica e governativa?

"Beh, questa roba del tentativo di abolire l’articolo 18; cioè proprio l’idea della distruzione dei diritti del lavoro e del sindacato, che poi come sappiamo, ha avuto molti epigoni, tra cui Renzi". 

In proposito c’è chi considera Renzi “l’incarnazione politica” di Berlusconi. Condivide?

"Sì, la risposta è sì". 

Anche sulle pensioni che adesso stanno rimodulando?

"Sì, sì. Non stanno rimodulando le pensioni, perché la Fornero ha alzato l’asticella a 67 anni e questi stanno facendo delle singole, specifiche modifiche, piccolissime, che non modificano per nulla l’impianto. E’ l’idea berlusconiana, cioè distruggere i diritti dei lavoratori ma poi sempre disponibile a fare l’elemosina se uno sta morendo di fame: è prima la distruzione del diritto, poi l’elemosina". 

Cosa salverebbe di Berlusconi, ci sarà pure una cosa che ha apprezzato… 

"Sì, le sue giacche". 

Perché proprio le giacche?

"Così… perché se c’è da salvare qualcosa, salviamo le giacche…".
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]