Nonno dei videogame compie 40 anni: (Ping) Pong che andò a ruba

03 agosto 2015, Micaela Del Monte
Nonno dei videogame compie 40 anni: (Ping) Pong che andò a ruba
Il nonno di tutti i videogiochi e di tutte le console compie 40 anni. 

Non tutti lo ricorderanno, ma Pong era un grosso 'scatolone' nero con un intrico di fili, due joystick rudimentali e un unico gioco a cui sfidarsi. Non era che un semplice simulatore da tennistavolo in bianco e nero, che si poteva connettere al televisore diventando la 'Home Pong'. Una rivoluzione che porta la firma di Harold Lee, ingegnere di Atari, azienda fondata nel 1972 da Nolan Bushnell e Ted Dabney, che annovera nel suo 'palmares' anche i 'papà' di Apple, Jobs e Wozniak

Due rettangoli bianchi con uno sfondo nero e una pallina quadrata. Questo era sostanzialmente Pong, un concetto facile e allo stesso tempo assolutamente innovativo che sconvolse il mondo del tempo libero negli anni ottanta.

Il Ping Pong da Tv infatti entrò nelle case di tutto il mondo e per la prima volta legò i ragazzi al televisore per ore e ore. 
La console Pong all’epoca andò a ruba, soprattutto negli Stati Uniti d’America dove quasi in ogni casa c’era un Atari e milioni di ragazzi trascorrevano interi pomeriggi con la console ideata da Atari.  

La vita di Nolan Bushnell, che nel 2010 è rientrato in Atari, potrebbe presto diventare un film che vedrà come attore protagonista Leonardo di Caprio.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]