Nas in azione, nel mirino i centri estetici. I risultati dei controlli

03 agosto 2016 ore 21:57, Andrea Barcariol
Tre persone denunciate e 11 attività chiuse. E' questo il bilancio dei controlli del Nas dei Carabinieri su acconciatori ed estetiste nelle province di Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini. Controllati oltre 60 negozi (32 nella città delle torri). Di queste 11 avevano irregolarità penali e amministrative, come nel caso di un parrucchiere di Imola che non aveva dato la segnalazione d'inizio attività e i titoli abilitativi erano contraffatti. A Valsamoggia due persone, titolare e dipendente di un salone di parrucchiera, sono state denunciate a loro volta per aver esibito attestati di qualifica professionale contraffatti. Altri nove esercizi di acconciatore ed estetica sono stai sanzionali poiché dei previsti requisiti igienico-sanitari. Il titolare di un centro di estetica è stato pure denunciato per favoreggiamento della prostituzione.
    
Nas in azione, nel mirino i centri estetici. I risultati dei controlli
A Bologna i centri per i quali è stata decisa la sospensione dell'attività sono 9: motivi igienico-sanitari hanno indotto i carabinieri del Nucleo antisofisticazione ad abbassare la serranda. Nelle provincia di Ferrara sono state controllate 8 attività, una delle quali è stata sospesa per aver svolto attività di estetica, tatuaggi e piercing, in assenza della prevista SCIA. Nella provincia di Rimini sono stati controllati 11 esercizi, in 2 dei quali sono emerse irregolarità di natura amministrativa, per aver svolto l’attività in assenza della prevista SCIA e per aver impiegato personale non qualificato. Nelle provincia di Ravenna e Forlì Cesena, sono state controllate 12 attività, una delle quali è risultata aver svolto attività in assenza della prevista SCIA e impiegato personale privo dei previsti requisiti professionali.
L'attività svolta dai N.A.S. si sviluppa attraverso le seguenti modalità operative principali: un'azione investigativa, che consiste in indagini volte a stroncare le attività illecite nello specifico campo delle sofisticazioni, delle frodi alimentari e della sanità; una pianificazione operativa mensile, nel corso della quale vengono effettuati controlli in uno o più settori d'intervento su tutto il territorio nazionale; servizi di controllo in campo nazionale su obiettivi precedentemente individuati, pianificati d'intesa con il Ministero della Salute.


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]