Ancora acceso lo scontro in Fi

03 giugno 2014 ore 10:42, intelligo
Ancora acceso lo scontro in Fi
Lo scontro frontale tra “mister preferenze” Raffaele Fitto e il cerchio magico attorno a  Silvio Berlusconi
non accenna a placarsi. Il dirigente pugliese, anche attraverso alcuni colloqui diretti con il presidente di Forza Italia, ha spiegato che non è affatto sua intenzione mettere in dubbio la leadership del fondatore o preparare il terreno per una sua fuoriuscita verso altri soggetti politici. "In tanti vorrebbero che me ne andassi, ma non gli farò questo piacere" ripete Fitto. Per il momento, però, il rendez vous interno è rinviato a dopo i ballottaggi quando appare inevitabile la convocazione di un nuovo Ufficio di Presidenza per fare il punto definitivo sul da farsi. Nel frattempo i "primaristi" si tolgono qualche sassolino dalla scarpa e fanno notare, nei dialoghi parlamentari, che sostenere come hanno fatto diversi esponenti lombardi vicini al Cavaliere che al Sud si danno tre volte più preferenze rispetto al Sud non è sempre vero. "Dipende molto da chi si candida", dicono con un pizzico di malizia. E fanno notare che nel 2009 i primi 3 candidati della Circoscrizione Nord Ovest (Berlusconi, La Russa e Mauro) presero complessivamente 1.010.564 preferenze contro le 957.077 preferenze messe insieme dai primi tre (Berlusconi, Matera, Mazzoni) della Circoscrizione Sud. Uno scarto di 53.485 preferenze a favore del Nord che in quell'occasione non risparmiò affatto la matita.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]