Pancetta, spia della sindrome metabolica: ma si puó prevenire

03 giugno 2015, Marta Moriconi
Il 7 giugno è la Giornata Nazionale della Medicina Interna sulla Sindrome Metabolica promossa dalla Società
Pancetta, spia della sindrome metabolica: ma si puó prevenire
Italiana di Medicina Interna (SIMI) e dalla Federazione delle Associazioni Dirigenti Ospedalieri Internisti.
  E quest'anno il messaggio è "Un metro per la vita"... tanto basta per curarsi. 

MA CHE SIGNIFICA? 

Significa che la pancia grassa non è solo colpa vostra, se la circonferenza della vita non vi soddisfa ed è il vostro nemico, dovete indagare su pressione arteriosa e glicemia. 
E' anche la "sentinella" per prevenire malattie cardiovascolari, di ictus o infarti, perché è un chiaro segnale di alterazione di parametri essenziali per la salute e non solo un fastidioso fatto estetico soprattutto nel periodo estivo.

DATI:

Interessa soprattutto bambini e adolescenti e circa un terzo degli italiani che rischiano quanto a salute cardiovascolare. Per questo il 7 giugno sono previsti controlli gratuiti e la consegna proprio di un metro di carta (per questo la giornata si chiama "Un metro per la vita") e di un decalogo utile per prevenire la sindrome metabolica.

FATTORI ASSOCIATI A SINDROME E SOGGETTI PREDISPOSTI:

Il diabete, l'ipertensione arteriosa e i livelli di HDL alti incidono sulle malattie cardiovascolari, su questo non ci sono dubbi. Sono "a rischio" poi coloro che presentano almeno 3 di questi fattori: girovita superiore a 102 cm per gli uomini e a 88 cm per le donne; pressione a 130 (massima) e 90 (minima); glicemia a digiuno superiore a 110 mg/dl; Colesterolemia superiore a 200 mg/dl Trigliceridi superiori a 150 mg/dl.

Il pericolo è nella compresenza di questi parametri alla sindrome perchè comporta il rischio di una formazione di placche aterosclerotiche nelle arterie più importanti. 

CONSIGLI per prevenire la sindrome metabolica

Mangiare lentamente e sano, quindi dieta mediterranea. Sono importanti i vegetali come legumi, verdure e frutta. Poi vanno bene anche la pasta, il pesce e il riso. Ossia via i cibi grassi! Condire con l'olio extra-vergine di oliva e limitare il sale, meglio se iodato. Acqua "a catinelle", minimo un litro e mezzo, non a bevande gassate sono quasi sempre zuccherate. Non dimenticare di fare attività fisica (anche una bella camminata di 30 minuti), non fumare e seguire la regola dei 5 pasti: colazione, spuntino, pranzo, merenda e cena. 


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]