Game Of Thrones seconda puntata al cardiopalma e per la terza scatta il “giuramento”

03 maggio 2016 ore 11:25, intelligo
di Luciana Palmacci

C'è chi ha fatto nottata per vederla in contemporanea con gli Stati Uniti e chi ha deciso di chiudere i social per non incorrere negli spoiler. Ieri 2 maggio è andata in onda la seconda puntata della sesta stagione della seguitissima serie americana Game Of Thrones, ispirata alla saga di romanzi di George R.R. Martin, che ha fatto riprendere a battere i cuori dei fan. L'attesa di questa sesta stagione era tutta incentrata su un unico avvenimento: la “apparente” morte di Jon Snow dopo essere stato pugnalato da alcuni dei suoi confratelli. 
Game Of Thrones seconda puntata al cardiopalma e per la terza scatta il “giuramento”
Un colpo di scena che ha risposto ai dubbi di coloro che avevano iniziato a sospettare in una “rinascita” di Snow quando dopo gli avvistamenti dell'attore Kit Harington sul set della nuova stagione, le ipotesi sul suo ritorno in vita si sono moltiplicate. Svariate le modalità con cui sarebbe potuto risorgere. Alcune basate su un suo eventuale ritorno ad opera degli Estranei, altre ancora sui poteri dei preti e sacerdotesse del Signore della luce che nei libri hanno già dimostrato di essere abilissimi in questo. E guarda caso accanto al cadavere del bastardo di Casa Stark si aggira proprio Melisandre, una grande sacerdotessa di R'hllor, ed è proprio lei, senza crederci più di tanto, che è stata l'artefice del suo risveglio.

Ovviamente, non appena Jon Snow torna in vita, cala il sipario sulla puntata e si inizia a pensare già alla prossima in onda il prossimo 8 maggio intitolata “Oathbreaker”, che ci dirige verso Daenerys che ha scoperto nella precedente puntata qual è il destino riservato alle vedove di Khal. Lei incontrerà il suo futuro; Bran il suo passato. Tommen avrà un confronto con l’Alto Passero; Arya si allena per diventare Nessuno; Varys troverà una risposta e Ramsay riceverà un regalo. Il titolo inoltre potrebbe far pensare che l’episodio sarà incentrato su un giuramento interrotto e non rispettato, facendoci tornare indietro con la memoria all’episodio della 4° stagione dove avevamo già incontrato un termine simile: “Oathkeeper” letteralmente “guardiano del giuramento”. Questa assonanza fa sospettare che le due puntate siano strettamente collegate tra di loro.

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]