Bari, tentarono di uccidere il boss Mercante (ferendolo) per droga e slot: tre arresti

03 maggio 2016 ore 12:56, Andrea De Angelis
Il fatto è avvenuto quasi quattro anni fa, precisamente il 22 agosto 2012. Ad essere sconvolta fu la città di Bari che in quella settimana fece registrare, come riportano le agenzie, ben cinque sparatorie in soli otto giorni. Adesso gli investigatori hanno fatto luce sull'agguato e hanno arrestato tre giovanissimi, di età compresa tra i 24 e i 32 anni. 

Il movente sarebbe stato, dunque, la gestione del traffico di droga e delle slot machine nei quartieri Libertà e San Paolo. Questo il motivo, come riporta Repubblica, del tentato omicidio del boss Giuseppe Mercante. 
Il 22 agosto 2012, in via Nicolai nel quartiere Libertà, un commando composto da due persone, a bordo di un motociclo, esplose alcuni colpi d'arma da fuoco nei confronti di Mercante, scarcerato da pochi mesi dopo un lungo periodo di detenzione, ferendolo. 

Bari, tentarono di uccidere il boss Mercante (ferendolo) per droga e slot: tre arresti
I tre arrestati, come riporta sempre il noto quotidiano, sarebbero vicini al clan Telegrafo, storico rivale dei Mercante e dovranno rispondere anche di porto e detenzione di armi da sparo e ricettazione. Dalle prime luci dell'alba, a Rutigliano (Bari) e Lecce, gli agenti della Polizia di Stato stanno dando esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Bari, su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di tre persone ritenute responsabili del tentato omicidio. Lo riporta l'Ansa
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]