La prima di Tronca è alle Fosse Ardeatine, come Mattarella: le sue parole

03 novembre 2015, Andrea De Angelis
La prima di Tronca è alle Fosse Ardeatine, come Mattarella: le sue parole
Ci sono storie in politica che sanno di coincidenze e che poi, lette il giorno dopo, portano a paragoni, assonanze a volte anche curiose e simbolo di scenari che spesso hanno dietro un'unica regia. 

Lo ha detto bene l'ex sindaco di Roma, Ignazio Marino: "Ho ricevuto 26 colpi da un unico mandante". Il cui nome, ovviamente, è noto a tutti. Lo stesso, per intenderci, che volle, fortissimamente volle al posto del dimissionario Giorgio Napolitano un certo Sergio Mattarella, poi acclamato quasi all'unanimità Presidente della Repubblica. 
Ma cosa lega Marino a Mattarella? Nulla, forse la prima lettera del nome. Il paragone, semmai, è tra Tronca e il principale inquilino del Quirinale. 

L'ex prefetto di Milano, attuale Commissario della capitale, ieri si è infatti recato alle Fosse Ardeatine nel suo secondo pomeriggio da commissario straordinario a Roma, visitando i luoghi della memoria della Capitale in occasione del 2 novembre, giorno in cui l'Italia commemora i defunti.
Alle Fosse ardeatine ha anche scritto un messaggio sul libro d'oro: "Il commissario Francesco Paolo Tronca rende omaggio a chi ci donò col proprio sacrificio la libertà e la democrazia". E a chi gli chiedeva, a margine della cerimonia, se fosse pronta la squadra dei sub-commissari che dovrà affiancarlo durante il suo lavoro in Campidoglio ha risposto: "In questo luogo si risponde soltanto con il silenzio".

La prima di Tronca è alle Fosse Ardeatine, come Mattarella: le sue parole
Poche parole dunque, proprio come Mattarella, che lo scorso 31 gennaio disse: «Il pensiero va soprattutto, anzitutto, alle difficoltà e alle speranze dei nostri concittadini. E' sufficiente questo». Queste furono, come ricorderete, le prime parole di Sergio Mattarella da presidente della Repubblica dalla Consulta, dopo aver ricevuto dalla presidente della Camera, Laura Boldrini, il verbale della sua elezione.
Proprio alle Fosse Ardeatine Mattarella decise di compiere la sua prima visita. Questa la sua breve dichiarazione: "L'alleanza tra nazioni e popolo seppe battere l'odio nazista, razzista, antisemita e totalitario di cui questo luogo è simbolo doloroso. La stessa unità in Europa e nel mondo saprà battere chi vuole trascinarci in una stagione di terrore". Chiaro allora il riferimento agli attentati di Parigi di inizio gennaio. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]