A tutto droni, dal giornalismo fino alla consegna dei pacchi: novità da Google

03 novembre 2015, intelligo
A tutto droni, dal giornalismo fino alla consegna dei pacchi: novità da Google
Google “guerreggia” con Amazon a colpi di droni. E’ l’ultima frontiera, ovvero la consegna di pacchi ai clienti attraverso i “velivoli fantasma”. Tutto a partire dal 2017 quando il nuovo servizio sarà operativo, come ha annunciato David Vos, capo del progetto Wing di Google. 

Una sfida non solo commerciale coi i competitors ma anche per lo stesso colosso di Mountain View dal momento che la Federal Aviation Administration deve ancora mettere a punto le regole di volo per i droni commerciali. A questo si aggiunge l’ultimo miglio che Google sta percorrendo per quanto riguarda la tecnologia dei velivoli e la possibilità – non ancora testata – che i droni possano comunicare tra di loro per rendere più efficace il servizio offerto ai clienti e al tempo stesso evitare il rischio di incidenti in volo. 

Amazon dal 2013 dopo l’annuncio di voler usare i droni nella consegne a domicilio aveva già indicato una serie di problematiche tuttora irrisolte e sulla quali la ricerca tecnologica si sta applicando. Per questo, qualche mese fa Amazon ha elaborato una proposta che prevede di indicare uno spazio aereo ad un’altitudine compresa tra i 200 e i 400 solo per il transito dei droni commerciali – una sorta di no fly zone – alla cui realizzazione il colosso americano sta già lavorando. 

DRONI: E’ BOOM. Un settore in crescita secondo la maggiorparte degli operatori commerciali, la cui versatilità nell’impiego si estende a vari settori: dal giornalismo, alle ricognizioni militari, passando per il cinema, le riprese video dall’alto su luoghi di particolare pregio storico-artistico. Non ultimo, le video-clip che molte aziende vitivinicole realizzano proprio attraverso l’uso dei droni, come biglietti da visita per clienti e turisti appassionati di percorsi eno-gastronomici. Il dato interessante è emerso in occasione della kermesse in programma a fine mese a Milano. Secondo un’indagine condotta da Dronitaly e pubblicata sulla rivista online di settore DroneMagazine, per il 2015 è previsto un fatturato col segno più che positivo per il 90 per cento delle 25 aziende italiane presenti alla rassegna milanese. Insomma, molto del futuro è già qui e vola sulle ali dei droni. 

LuBi

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]