Sesso a tutta birra e erezione da record: l’ultima scoperta Usa

03 novembre 2015, intelligo
Sesso a tutta birra e erezione da record: l’ultima scoperta Usa
Birra a litri e sesso… alla grande. Altro che Viagra: arriva dall’America la nuova frontiera hot. A sostenerlo è la sessuologa Kath Van Kirk, che ha messo nero su bianco la sua “rivoluzione”. Il libro che firma ha nel nome il programma: “Soluzione sessuale per il matrimonio: guida realistica per salvarvi la vita”. La domanda sorge spontanea: marketing o nuova frontiera della scienza? 

L’interrogativo non è casuale dal momento che gli studi e i ricercatori del Vecchio Continente, hanno sempre sostenuto e sollecitato la moderazione nell’assunzione di birra da parte degli uomini, a causa di effetti che la bevanda se consumata costantemente nel tempo potrebbe provocare alla prostata. In pratica tutto l’opposto della testi della sessuologa americana che ha già destato clamore non solo nella comunità scientifica. 

Ora, sulle qualità della birra nessuno discute: c’è una letteratura medica e nutrizionista molto ampia che indica nel consumo di un bicchiere al giorno un valido aiuto per combattere il rischio di infarto e ictus, per non parlare delle proprietà nel settore dermatologico: la birra è considerata infatti, un buon elemento naturale per conservare giovane la pelle e schiarire il colore dei capelli. 
Oggi, Kath Van Kirk va oltre e si dice sicura che la birra rappresenta un validissimo alleato del maschio per contrastare l’eiaculazione precoce. In base a cosa? La sessuologa americana evidenzia che la birra è ricca di sostanze simili agli estrogeni che aiutano l’uomo a ritardare l’eiaculazione e quindi a far durare di più il rapporto sessuale, rendendolo più intenso.

Non solo: la birra scura in particolare sarebbe un “toccasana” per aumentare la libido e dunque il desiderio sessuale, a causa del maggior contenuto di ferro rispetto alle birre chiare. In pratica, i livelli di ferro agirebbero sui globuli rossi come le spinaci per Braccio di Ferro garantendo un’erezione duratura. A destare più di una perplessità sulle teorie della dottoressa americana è stata l’indicazione sulla birra Guinness (uno dei fiori all’occhiello della produzione irlandese) considerata è ricca di proteine e, secondo Kath Van Kirk, fondamentale per rafforzare il sistema immunitario.

Insomma, a sentire la sessuologa americana sono finiti i tempi del Viagra: ora si può fare sesso a tutta birra!

LuBi

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]