Windows 10, è arresto crescita. Cause, effetti e corsa ai ripari

03 novembre 2016 ore 9:50, Americo Mascarucci
La corsa di Windows 10 sembra aver ottenuto una forte battuta d'arresto.
La situazione sarebbe cambiata drasticamente con lo stop della promozione che permetteva agli utenti Windows 7 e Windows 8/8.1 di poter passare gratuitamente alla nuova piattaforma. 
Poco più di un mese fa, Microsoft aveva annunciato che il suo nuovo sistema operativo era presente su 400 milioni di dispositivi, un dato molto significativo visto che a maggio scorso questa asticella era di 100 milioni più bassa.
Improvvisamente però è iniziata la controtendenza.
Nei mesi di settembre e ottobre, stando ai dati elaborati da NetMarketShare, la quota di mercato dei sistemi basati su OS Windows 10 è inizialmente calata leggermente, in seguito stabilizzata. 
Windows 10, è arresto crescita. Cause, effetti e corsa ai ripari
A ottobre la quota è del 22,59%, un dato in marginale incremento rispetto al 22,53% del mese precedente. Nel mese di agosto il sistema operativo Microsoft era arrivato a sfiorare la quota del 23%.
Per Windows 8.1 la quota di mercato è ben inferiore ma comunque ancora significativa: parliamo dell'8,4%, anche in questo caso con una crescita di 0,57 punti rispetto al trimestre precedente: sommando anche la quota di sistemi dotati di OS Windows 8 si arriva ad un cumulato del 10,57%. 
La parte restante vede sistemi basati su OS Windows XP, il cui supporto ufficiale è terminato da tempo ma che continua a essere presente nell'8,27% dei sistemi monitorati da MetMarketShare.

Con la fine degli upgrade gratuiti gli utenti sembrano non più interessati ad effettuare la migrazione al nuovo sistema operativo. 
Tuttavia si starebbe lavorando moltissimo per convincere gli utenti ad abbracciare la nuova piattaforma che sta, comunque, convincendo. La prossima primavera, per esempio, arriverà Windows 10 Creators Update che porterà moltissime novità soprattutto in ambiente grafico con il supporto al 3D.
Il dato forse non stupisce più di tanto. 
Microsoft ha dichiarato di non voler abbandonare il settore Mobile ma comunque di volersi concentrare su ben altri settori, puntando ai professionisti e non tanto al mercato consumer. Da qui il rilascio di prodotti come il Surface Pro o anche il Surface Book votati per un utilizzo più intenso e professionale.
Windows 7 continua ad essere il sistema operativo più gradito dagli utenti, considerando come lo stesso può contare su una marketshare pari al 48,38 percento, seguito al secondo posto da Windows 8.1 e, quindi, con Windows XP che, nonostante lo stop al supporto, continua ad essere presente sull’8,27 percento dei PC.


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]