Brexit, voterà il Parlamento. Fedriga: "Molti interessi, ma dignità di Cameron insegna"

03 novembre 2016 ore 16:18, Andrea De Angelis
L'Alta corte di Londra ha accolto il ricorso di un gruppo di attivisti pro Ue che chiedono un voto del Parlamento di Westminster per avviare l’iter della Brexit. Il giudice ha dato così torto al governo di Theresa May che rivendica il pieno diritto d’invocare l’articolo 50 del Trattato di Lisbona e di volerlo fare entro marzo 2017. Che significato ha questa decisione? Come andrà a finire? IntelligoNews lo ha chiesto a Massimiliano Fedriga, capogruppo della Lega Nord alla Camera...

Ricorso accolto, ma a discapito della volontà popolare?
"Sì, è un dato di fatto. Ma il premier britannico May ha detto che farà ricorso contro la sentenza. Almeno là c'è un Governo che difende il volere popolare, indipendentemente dalla scelta. Penso che la grande cosa per i cittadini britannici sia stata proprio quella di poter scegliere. Cosa che secondo me non è possibile nel nostro Paese, anche per quanto riguarda la riforma Renzi-Boschi". 

Perché?
"Perché hanno bocciato i nostri emendamenti. Possono scegliere adesso ovviamente, quando però si muovono i grandi interessi mi sembra che trovino e cerchino ogni scusa per non far scegliere la gente". 

Brexit, voterà il Parlamento. Fedriga: 'Molti interessi, ma dignità di Cameron insegna'

Ovvero?
"Credo che quando scelgono quello che gli va bene allora è tutto a posto, quando scelgono invece quello che non gli va bene allora bisogna bloccare tutto e impedire di andare nella direzione scelta dalle persone". 

"Il principio fondamentale della costituzione del Regno Unito è che il Parlamento è sovrano", ha detto il giudice dell’Alta corte, Lord Thomas of Cwmgiedd, nel leggere il verdetto.
"Io penso che siano sempre i popoli sovrani. In una democrazia il popolo è sovrano, sopra il Parlamento e qualsiasi carica istituzionale. Le democrazie rappresentative rappresentano il popolo, non loro stesse. Se cade questo principio si arriva all'oligarchia nella migliore delle ipotesi...".

Secondo lei il Parlamento, laddove non dovesse essere accolto il ricorso di May, voterà in maniera difforme rispetto al popolo?
"Gli interessi sono molti, ma penso che voteranno conformemente al volere anche popolare. Cameron, con grande dignità, ha indetto il referendum contro le sue convinzioni per rispetto verso il popolo. Spero che anche in questo caso la Gran Bretagna insegni cosa vuol dire democrazia e rispetto della volontà popolare". 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]