Brexit, Theresa May accontenta subito la Ue: "Via già da marzo"

03 ottobre 2016 ore 15:49, Adriano Scianca
Il divorzio fra Gran Bretagna e Ue avverrà entro marzo 2017. Lo ha annunciato, durante il congresso del partito conservatore a Birmingham, il premier Theresa May. Per iniziare la procedura che nell'arco di due anni porterà la gran Bretagna ad essere un Paese totalmente fuori dalla Ue, Londra dovrà attivare il famoso articolo 50, cosa che farà appunto nei primi tre mesi del nuovo anno. "I diritti esistenti dei lavoratori europei" residenti in Gran Bretagna saranno "garantiti in pieno" anche dopo la Brexit, ha assicurato la May. Un sospiro di sollievo, peraltro, per i tantissimi lavoratori italiani nel Regno Unito. Gli analisti, ovviamente, continuano a prevedere un futuro fosco per Londra, nel momento in cui lascerà l'Unione. 

Brexit, Theresa May accontenta subito la Ue: 'Via già da marzo'
Va detto che tali previsioni catastrofiste davano per spacciata la Gran Bretagna già da subito dopo il voto, e invece abbiamo visto come Londra abbia sostanzialmente tenuto botta, con alcuni dati economici addirittura in risalita. Insomma, la catastrofe che si dovrebbe abbattere sui “fuggitivi” inglesi sarebbe solo rimandata. Ma la May procede a passo spedito, sia pur con un atteggiamento compassato che a molti è apparso attendismo. Da qui la sorpresa nel vederla annunciare lo strappo da Bruxelles già fra pochissimi mesi. Perché, come ha detto lei per chiarire il suo pensiero in proposito, “Brexit vuol dire Brexit”.


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]