La cocaina? Aumenta lo stress e altera le emozioni negative

03 settembre 2015, Americo Mascarucci
La cocaina? Aumenta lo stress e altera le emozioni negative
Attenzione ragazzi, la cocaina non soltanto illude, ma aumenta lo stress e altera la percezione delle emozioni negative come testimoniato da una dettagliata ricerca presentata al congresso dell’European College of Neuropsychopharmacology in corso ad Amsterdam. 

Che le droghe siano dannose per chi ne fa uso è un dato di fatto ma gli studi scientifici sembrano confermare ogni volta nuovi devastanti effetti soprattutto fra i giovani. 

E difatti lo studio è stato effettuato da ricercatori provenienti dalla Germania e dai Paesi Bassi su ventiquattro studenti di età compresa fra 19 e 27 anni che hanno fatto un uso più o meno eccessivo di cocaina. Ad ognuno di questi sono stati dati 300 mg di coca da assumere per via orale. I soggetti dopo il consumo e per diverse ore sono stati sottoposti ad una serie di esami biologici e chimici per misurare il livello delle loro sensazioni emotive. Il test ha dimostrato come i ragazzi abbiano visto aumentare il proprio livello di stress ma cosa ancora più sorprendente, come abbiano visto diminuire drasticamente la capacità di riconoscere le emozioni negative, la paura, la tristezza, la rabbia, il disgusto. In pratica subito dopo aver consumato cocaina il soggetto fa fatica a comprendere e riconoscere sensazioni come la rabbia e la tristezza. 

Qualcuno potrebbe obiettare; e allora? Non è una buona cosa il fatto di non essere tristi e di non provare rabbia? In realtà il non riconoscimento delle sensazioni negative fa perdere al cocainomane anche la capacità di mantenere il controllo in particolari situazioni fino a fargli fare quelle cose che, in stato di normalità, non farebbe mai, proprio perché incapace in quel momento di comprendere la negatività di un tale atteggiamento. Per questo dopo il consumo di cocaina si diventa particolarmente euforici e si riesce ad esempio ad essere socievoli con tutti anche se nella vita reale non lo si è affatto. 

Proprio perché le emozioni negative non sono più comprensibili.

In poche parole, l’uso di droga annebbia la mente e ci fa essere ciò che solitamente e caratterialmente non siamo. 

Ci porta a sdoppiare la nostra personalità e a renderci irriconoscibili agli occhi degli altri. E’ come se insomma il nostro io si annullasse in favore di una personalità virtuale destinata ad esistere fino all’esaurimento dell’effetto stupefacente. 

E allora, sballare non soltanto non è bello e danneggia la salute ma soprattutto ci rende idioti e privi della minima capacità di discernimento. Una felicità che dura il tempo di una sniffata, non vale certamente le gioie di una vera esistenza.


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]