Ordine di De Luca: no a termovalorizzatori e discariche in Campania

03 settembre 2015, Orietta Giorgio
Ordine di De Luca: no a termovalorizzatori e discariche in Campania
“Mai più ecoballe, mai più Terra dei Fuochi". Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, durante la conferenza stampa tenutasi oggi a Palazzo Santa Lucia, ha presentato il nuovo programma per la lotta ai rifiuti della sua amministrazione

L'obiettivo è chiaro e lo ribadisce con energia: “La nostra svolta è rappresentata dai nuovi termovalorizzatori, no a nuove discariche e all'incremento della raccolta differenziata di un altro 15%”.

Il piano per  lo smaltimento delle ecoballe prevede che un terzo dei materiali potrebbe essere smaltito in Toscana (che ha dato la propria disponibilità) , per altre saranno potenziati gli Stir di Tufino, Giugliano e Caivano, mentre  in Campania è prevista la realizzazione di “almeno quattro impianti di compostaggio chiusi per la lavorazione dell’umido che saranno finanziati dalla Regione con cento milioni di fondi europei, visto che un impianto come quello di Salerno costa circa 25 milioni”.

Riguardo all’impianto di compostaggio del Comune di Napoli previsto a Scampia, il governatore ha spiegato: “Su questo decidono i sindaci, non dipende da noi, mi permetto però di raccomandare che si faccia una scelta sostenibile, più lontana possibile dalle abitazioni e magari non in zone che già hanno problemi sociali. Su certe scelte farei un approfondimento di riflessione. Noi abbiamo pensato ad aree industriali abbandonate”.

Per restituire credibilità alla Campania il progetto è "no a termovalorizzatori e nuove discariche". 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]