Hanno fatto 13! Maxi multa ad Apple, l'Ue: "Sono tasse non pagate"

30 agosto 2016 ore 14:52, Andrea De Angelis
A poco più di una settimana dalla presentazione dell'iPhone 7, l'Apple dovrà pagare svariati miliardi di euro per l'accordo fiscale stretto con l'Irlanda per pagare meno tasse. Una decisione della Commissione Ue, attesa per oggi, che è arrivata puntale. Anzi, ha superato le attese. 

Cupertino dovrà pagare per intero quanto eluso finora grazie a un tax ruling considerato illegale da Bruxelles. Una decisione che ricalca quelle già prese dalla commissaria Ue alla concorrenza Margrethe Vestager per Fiat in Lussemburgo e Starbucks in Olanda a ottobre dell'anno scorso. La 'maxi-multa' che Bruxelles si preparava a comminare ad Apple, secondo Bloomberg che citava fonti vicine al dossier, doveva essere di circa 7 miliardi di euro. Altri parlavano di tanti miliardi di euro, addirittura una fonte ipotizzava 19 miliardi di dollari.

Hanno fatto 13! Maxi multa ad Apple, l'Ue: 'Sono tasse non pagate'
Per Apple una condanna da 13 miliardi di euro dunque per risarcire l’Irlanda
. Lo ha annunciato la Commissaria Margrethe Vestager in una conferenza stampa, che precisa «Non è una punizione. Sono tasse non pagate che vanno pagate». Cupertino dovrà quindi restituire le imposte inevase sui profitti ottenuti nel periodo dal 2003 al 2014 grazie a un sistema di aliquote vantaggiose concesse dall'Irlanda con degli accordi fiscali. «Guardando avanti - ha spiegato Vestager - l'obiettivo finale è che tutte le compagnie, grandi e piccole, paghino le tasse dove generano i loro profitti». E, perché si arrivi a questo risultato, serve «un cambiamento nella filosofia aziendale» e «nella legislazione».
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]