Aldrovandi, Gasparri (FI): “Applausi spiacevoli ma segnale di frustazione e malessere delle Forze di Polizia”

30 aprile 2014 ore 12:46, Andrea Barcariol
“Quello che è accaduto ieri è indice di un disagio e di un malessere da condannare
Aldrovandi, Gasparri (FI): “Applausi spiacevoli ma segnale di frustazione e malessere delle Forze di Polizia”
ma bisogna comprenderne le radici”. Intervistato da Intelligonews Maurizio Gasparri, vicepresidente del Senato, dice la sua sul caso Aldrovandi e sulla sfida alle prossime elezioni europee. Come giudica gli applausi nel congresso del Sap ai poliziotti condannati per l’omicidio di Aldrovandi? «Ieri ero presente al Congresso, poi sono andato via prima del momento degli applausi. Ovviamente è una cosa spiacevole e non va approvata ma è il segnale di una frustrazione del mondo delle Forze di Polizia che vivono tra blocco degli stipendi, blocco dei contratti, ritardo nel pagamento degli straordinari, diminuzione degli organici e linciaggi ogni qual volta ci sono vicende di ordine pubblico in cui, per definizione, si dà torto alle Forze di Polizia prima ancora di controllare circostanze e fatti. Tutto questo è indice di un disagio e di un malessere da condannare ma bisogna comprenderne le radici. Io capisco questo malessere, non condivido l’applauso, ma sono dalla parte delle Forze di Polizia nel fronteggiare i problemi che, con gli ultimi governi, si sono molto aggravati». Renzi ha parlato di gesto “indegno”. Lo ritiene eccessivo? «Le ho detto quello che penso io, quello che pensano gli altri non mi interessa». Marina Berlusconi ha dichiarato che oggi non intende entrare in politica ma ha lasciato le porte aperte per il futuro. Resterebbe sorpreso da un suo ingresso? «La politica è aperta a tutti e chi decide di farla deve poi attrezzarsi, deve organizzarsi e saggiare il terreno. Vedremo, per ora il problema non si pone, poi si dovesse porre... Marina è una persona dotata di molto realismo e sa che non è un’attività che si può fare in maniera improvvisata. Qualora ci dovesse pensare immagino che si attrezzerà per questo impegno». Ieri a Ballarò Monsignor Galantino, segretario generale della Cei, ha avuto parole dure nei confronti dei politici che sono poco vicini alla gente. Come replica? «Ha ragione, io sono uno che sta in strada e tra la gente, quelli che vivono solo nei Palazzi e non hanno mai parlato con gli elettori devono capire che la politica non si può fare così. Condivido quello che ha detto perché è il metodo che pratico fin da ragazzo». Oggi si parla di un sondaggio segreto, commissionato dal Pd, da cui emerge che il Movimento 5 Stelle sarà il primo partito alle europee. Spaventato da questa ipotesi? «La sfida finale per il governo del Paese sarà tra il centro-destra e il centro-sinistra, Grillo avrà sicuramente molti voti ma non sarà mai in partita per governare il Paese».
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]