Banfi scende in piazza per l'Unicef con "L'orchidea per i bambini" (lavoratori)

30 aprile 2016 ore 15:01, Andrea Barcariol
Unicef ancora una volta in piazza per i bambini. Oggi e domani l'organizzazione sarà presente in tutta Italia (circa 1.700 piazze) con un'iniziativa di sensibilizzazione e raccolta fondi. Migliaia di volontari offriranno, a fronte di un contributo, una pianta di orchidea che simbolicamente rappresenta la speranza di un futuro pieno di colori per tanti bambini. Lino Banfi, storico ambasciatore dell'Unicef Italia, oggi sarà in piazza del Popolo a Roma per sostenere il progetto: "Ci sono milioni di bambini in pericolo. E' ora di piantarla!' - l'appello dell'attore pugliese. I fondi raccolti verranno destinati ai programmi di protezione dell'infanzia, nell'ambito della campagna Unicef 'Bambini in pericolo', che ha l'obiettivo di salvare e proteggere tutti i bambini vulnerabili, i "più poveri tra i poveri", aiutandoli a costruire un futuro dignitoso. Sempre nell'ambito di queste iniziative lo scorso 21 dicembre, a Roma, si era giocata"La partita dei campioni”.

Banfi scende in piazza per l'Unicef con 'L'orchidea per i bambini' (lavoratori)
"Vista la coincidenza con il 1° maggio, festa di tutti i lavoratori e le lavoratrici, vogliamo dedicare questa iniziativa dell'Orchidea ai bambini che lavorano, una delle piaghe più difficili da eliminare - ha spiegato il presidente dell'Unicef Italia Giacomo Guerrera - 150 milioni di bambini tra i 5 e i 14 anni nei paesi in via di sviluppo, circa il 16% di tutti i bambini e i ragazzi in quella fascia di età, sono coinvolti nel lavoro minorile. Nei paesi meno sviluppati, circa un bambino o ragazzo su 4 (tra i 5 e i 14 anni) lavora, correndo seri rischi per la sua salute e il suo sviluppo. L'Unicef lotta contro lo sfruttamento del lavoro minorile con programmi di sensibilizzazione, prevenzione e reinserimento scolastico o lavorativo per bambini lavoratori, ex-bambini soldato e bambini di strada, che prevedono orari flessibili, metodologie didattiche partecipative e un apprendimento che contempla competenze utili per la vita quotidiana e per la formazione professionale". Ogni giorno, in ogni angolo del mondo, sono milioni i bambini perseguitati, minacciati, malnutriti, sfruttati e derubati dell’infanzia.  Molti vivono in paesi come Eritrea, Nigeria, Sudan, Siria, Iraq o Afghanistan, paesi in conflitto, in condizioni di povertà estrema.

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]