Google Glass in versione Enterprise Edition: ora puntano sui professionisti

30 dicembre 2015 ore 10:30, Americo Mascarucci
Google rilancia il progetto dei Glass, gli "occhiali smart", progetto definitivamente accantonato dopo aver esordito nella versione Explorer per gli sviluppatori e dopo un primo lancio commerciale sospeso all'inizio di quest'anno. 
Il progetto Google Glass era stato definito da più parti "fallimentare" per via dell'insuccesso commerciale apparente avuto inizialmente. In realtà Google Glass non ha mai avuto una vera e propria commercializzazione in quanto è stato venduto come soluzione per gli sviluppatori a cifre esorbitanti.
Adesso arriva la versione 2.0 che sarà pregevole e pensata per il mondo professionale: lo rivelano le prime immagini trapelate da un documento che Google ha presentato alla Federal Communications Commission, l'ente che regola le comunicazioni negli Usa.
I  nuovi Glass come detto sono pieghevoli come un normale paio di occhiali e hanno una dotazione tecnologica più potente, con supporto a connessione Wi-Fi 5GHz, processore Intel più veloce e migliore fotocamera. 
Una delle ultime novità arriva direttamente dagli Stati Uniti e più precisamente dall'ente certificatore FCC che ha messo in mostra alcune fotografie dell'unità chiamata Google Glass Enterprise Edition che si presenta come una soluzione dedicata all'ambiente professionale e non all'utenza consumer (che invece avrà una sua versione, diversa in molte componenti) come si può anche intuire dal nome. Stando a quanto emerso nei mesi scorsi sembra che le novità riguardino l'adozione di un SoC Intel Atom al posto del precedente Texas Instruments OMAP 4430 (decisamente obsoleto e poco efficiente anche dal punto di vista energetico) oltre a una batteria migliorata così da migliorare contestualmente anche l'autonomia operativa. 
Google Glass in versione Enterprise Edition: ora puntano sui professionisti
Avrà una zona ripiegabile poco prima del prisma del proiettore che consentirà di diminuire le dimensioni complessive quando non utilizzato. Sempre stando alle indiscrezioni sarebbe migliorata la gestione del calore (anche grazie al nuovo SoC Intel) mentre nuove antenne e un nuovo chip permetterebbe di gestire anche Wi-Fi con frequenza di 5 GHz così da poter riprodurre al meglio lo streaming video in ambito professionale mentre un nuovo prisma di dimensioni maggiori consentirebbe di avere una migliore visuale sulle immagini proiettate riducendo l'affaticamento dell'operatore. 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]