Quo vado? Anno nuovo, vecchio Zalone verso l'ennesimo successo: i VIDEO della vigilia

30 dicembre 2015 ore 23:50, Andrea De Angelis
Dalla A alla Z di Zalone. Perché inizia l'anno nuovo e al cinema torna il vecchio Zalone, quello capace di trionfare al botteghino come pochi altri. E, c'è da scommetterlo, anche questa volta sarà boom di incassi. Zalone cala il poker e lo fa con un film che, secondo numerosi addetti ai lavori, mostra un netto salto di qualità rispetto ai precedenti lavori. 

Al suo quarto film, "Quo vado?", Zalone decide di attraversare il globo, letteralmente dal Polo Nord all’Africa nera. Non perché la “pur bellissima” Puglia non gli bastasse “ma cercavamo delle novità visive potenti, e il budget non ci mancava” spiega Luca Medici, in arte appunto Checco Zalone. Al timone sia registico che di co-sceneggiatore il fedelissimo Gennaro Nunziante così come alla produzione patron Pietro Valsecchi, che di Checco è stato l’inequivocabile talent scout. “Questo è un film complicato, 17 settimane di riprese senza badare a spese. D’altra parte l’ultima pellicola ha incassato talmente tanto portando in sala ben 8 milioni di persone, che non potevamo esimerci dal sorprenderci e sorprendervi ancor di più” annuncia Valsecchi.
Il film uscirà il primo gennaio in oltre mille sale italiane, addirittura 1.300, praticamente cifre da record. Da Nord a Sud il talento pugliese saprà far ridere giovani e grandi, riuscendo ancora una volta a puntare il dito contro le cattive abitudini degli italiani, con un fare quasi fanciullesco, seppur spietato e mai troppo volgare, né banale.
 


Checco Zalone, nome d'arte di Luca Pasquale Medici è nato a Bari nel 1977.
Presente in molte edizioni di Zelig come comico, è salito alla ribalta nel 2006 grazie alla canzone Siamo una squadra fortissimi, uscita durante il campionato mondiale di calcio culminato con la vittoria dell'Italia al Campionato mondiale di calcio 2006.
Debutta come attore nel 2009 con l'uscita del suo primo film di successo Cado dalle nubi, seguito da Che bella giornata nel 2011; quest'ultimo raggiunse un totale di € 42.779.000 al botteghino italiano, superando così gli incassi di un altro storico film di successo italiano La vita è bella di Roberto Benigni e diventando così il terzo film di sempre (dopo Avatar e Titanic) ad aver incassato maggiormente in Italia.
Nel 2013 esce il suo terzo film Sole a catinelle che incassa la cifra record di € 51.000.000, superando di molto gli incassi dei precedenti due capitoli e risultando definitivamente il film italiano con il maggior incasso di sempre in Italia.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]