Vernice intelligente, l'invenzione Made in Italy contro lo smog

30 dicembre 2015 ore 18:42, Micaela Del Monte
Con l'avvicinarsi al capolinea delle feste natalizie sembra che ormai l'argomento più gettonato sia proprio quello dello smog che al posto del freddo sta attanagliando il nostro Paese in questi giorni. E' quasi un mese che non piove e le temperature sono piuttosto alte per la media stagionale il che non fa altro che peggiorare la situazione, oltre ad essere proprio le polveri sottili una delle cause di questi problemi climatici.

Vernice intelligente, l'invenzione Made in Italy contro lo smog
Alla fine di questa settimana è previsto l'allontanamento dell'alta pressione dal nostro Paese, il che darà sicuramente una boccata d'ossigeno alle città più colpite grazie a qualche pioggia e all'arrivo (finalmente) dell'inverno. Ma adesso potrebbe esserci un'altra alleata contro l'emergenza smog e non si tratta di blocchi del traffico o targhe alterne. Infatti una ricerca tutta italiana promette di contrastare l'emergenza che sta soffocando le città dello Stivale. E' stata brevettata una vernice anti inquinamento da applicare sugli edifici in grado di neutralizzare fino all'88,8% degli inquinanti presenti nell'aria. La tecnologia si basa sul meccanismo della fotocatalisi: una volta "attivata" dalla luce, l'eco-vernice libera infatti molecole ossidanti che attaccano le sostanze nocive trasformandole in sali minerali innocui.

"Airlite utilizza l’energia della luce per produrre una ionizzazione dell’aria vicino alla superficie - ha affermato Antonio Cianci, Kauffman Fellow e co-fondatore della società - rendendo possibile, al contatto dell’aria inquinata con la superficie, la trasformazione degli inquinanti pericolosi per la salute, tra cui l’ossido di azoto, in sali minerali idrosolubili, gli stessi che si trovano nell’acqua minerale, che sono assolutamente innocui. Questa tecnologia si applica anche all’interno di uffici e abitazioni, dove permette di ridurre l’inquinamento allo stesso, efficace, modo".

 Secondo i fondatori della società Airlite, che dà il nome all'eco-vernice, dipingendo la superficie esterna di un palazzo di sette piani (circa mille metri quadri), nel giro di 12 ore verrebbe eliminato l'inquinamento prodotto da oltre 70 auto a gasolio Euro 6. Il brevetto della nuova tecnologia è stato depositato dal bolognese Massimo Bernardoni.

A differenza delle pitture tradizionali, che sono a base di petrolio, Airlite è una polvere inorganica. Il processo di "neutralizzazione" dei gas serra viene attivato dal biossido di titanio, secondo un meccanismo simile alla fotosintesi clorofilliana delle piante. Il metodo è efficace anche contro muffe e batteri e, inoltre, permette di abbassare la temperatura all'interno degli edifici risparmiando sui climatizzatori d'estate.

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]