Attentato kamikaze a Kabul, ancora sangue di donne e bambini

30 giugno 2015, intelligo
Attentato kamikaze a Kabul, ancora sangue di donne e bambini
Il kamikaze si è fatto esplodere vicino alla sede dell’ambasciata americana. Ancora sangue a Kabul. Stando alle notizie che si rincorrono sulle agenzie di stampa, l’attentatore si sarebbe fatto esplodere a bordo di un’auto al passaggio di un convoglio di truppe straniere sulla Airport Road di Kabul. 

Almeno quattro i morti e venti feriti, ma il bilancio potrebbe essere destinato a salire, tra i quali donne e bambini. Una fonte della sicurezza afghana ha dichiarato ai media che i morti sono per ora quattro ed i feriti tredici. Un responsabile della polizia locale ha invece parlato di sette morti, compreso un cittadino straniero. Ma il particolare della presunta vittima straniera, è stato smentito dal ministero della Difesa afghano.

Secondo testimoni oculari, l’esplosione è avvenuta non lontano dal centro commerciale Qazi Plaza e a 200 metri dall’edificio della Corte Suprema afghana. Un altro attentato che segue di pochi giorni quelli in Tunisia a Sousse, in Francia a Lione e in Kuwait in una moschea sciita. Una lunga scia di sangue, morte e distruzione che segue la strategia del terrore finalizzata a destabilizzare il quadro geopolitico in Occidente e nei territori dove l’Isis sta avanzando: dall’Iraq alla Siria. 

LuBi
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]