Estate anti-terrorismo: nuove mosse per prevenire attacchi in Italia

30 giugno 2016 ore 11:05, Lucia Bigozzi
L’attentato a Istanbul fa schizzare in alto il livello di guardia in tutt’Europa, Italia compresa. Roma e Milano finiscono “sotto scorta” ma i controlli sono stati intensificati in tutt’Italia e attivati nei confronti di luoghi “classici” inseriti nel target dei cosiddetti “obiettivi sensibili”, ma nella rete degli uomini della sicurezza finiscono anche nuove tipologie. E tra le new entry, ci sono anche i luoghi all’aperto, in primis le piazze, dove la gente si ritrova per assistere davanti a un maxischermo, alle partite degli Europei 2016. Nell’ordinanza diramate alle questure delle maggiori città si sollecita l’attivazione di servizi “con effetto immediato” e “massimo impulso”, non solo a carattere preventivo. In particolare sono stati intensificati “dispositivi di vigilanza e controllo del territorio» e le misure «a tutela degli obiettivi sensibili”. Una misura che va nel solco delle iniziative di vigilanza e controllo messe in atto a livello nazionale dopo gli attentati di Parigi e confermate dopo l’attacco a Bruxelles.

[image:left[ Su Roma e Milano, i servizi di controllo prevedono un’intensificazione sul fronte della prevenzione e il monitoraggio costante degli “obiettivi sensibili”. Che tradotto vuol dire: porti, aeroporti, stazioni, metropolitane, sedi istituzionali (e tra questi anche ambasciate e sedi governative dell’Ue) e, dopo l’attentato a Istanbul, anche le sedi e le strutture legate a interessi turchi. Nel “mirino” dei servizi di tutela già operativi ci sono anche i luoghi di culto. Insomma un piano dettagliato che prevede un giro di vite e il dispiegamento di ulteriori uomini e mezzi a sorveglianza delle città e dei luoghi di maggior ritrovo pubblico: un modo concreto per fronteggiare la minaccia del terrorismo internazionale che sta continuando la sua guerra – dichiarata – all’Occidente.
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]