Banche, Borghi: "In questo momento Bail in mina la sicurezza di tutti. Garanzia 100mila euro una chimera"

30 giugno 2016 ore 15:37, Lucia Bigozzi
“I tre schiaffoni a Renzi? E’ la differenza tra le parole e i fatti”. Netto il j’accuse di Claudio Borghi, economista che nella conversazione con Intelligonews analizza il rischi del Bail in “che è già qui ed è mortale per noi”. Ma ha un asso nella manica su come uscirne…

Tre schiaffoni a Renzi: il “mezzo” seggio all’Onu e dalla Merkel il “problemi vostri” su crisi delle banche e immigrazione. Che succede? 

"E’ la differenza tra le parole e i fatti. A parole dominiamo noi il mondo, a fatti prendiamo schiaffi da tutte le parti, oltretutto in un periodo che potenzialmente potrebbe essere epocale per ottenere dei vantaggi qualora ci fosse un Paese che ragiona sul proprio interesse e non asservito invece all’interesse altrui".

Banche, Borghi: 'In questo momento Bail in mina la sicurezza di tutti. Garanzia 100mila euro una chimera'
Un esempio concreto?

"Immaginiamoci un’Italia con le mani libere che paventa il sostegno alla Gran Bretagna. A un certo punto qualcuno dice questa cosa dell’Europa non funziona, la Gran Bretagna ne esce e noi apriamo dei negoziati per eventualmente fare un’area di libero scambio concorrente all’Unione europea. Basterebbe semplicemente ventilare una cosa del genere per ritornare al centro dei giochi. Invece, dobbiamo stare in ginocchio sui ceci e farci bacchettare da soggetti che hanno fatto i comodi loro con le banche, i comodi loro con l’immigrazione. Il seggio all’Onu doveva essere sicuro e invece lo vince senza problemi al primo turno una Svezia che è un Paese senza l’euro che ora con la sua coroncina svedese prospera e ha possibilità di gestire i suoi interessi nello scacchiere internazionale molto meglio rispetto al nostro essere parte dell’Unione europea".

Ipotesi Bail in imminente? Dopo Brexit c’è l’accelerazione e con quali effetti sui risparmiatori? 

"Che il Bail in fosse un suicidio non lo scopriamo adesso. Meno male che c’è traccia di mie denunce che risalgono ad anni precedenti. E non è Borghi particolarmente sveglio che ha capito prima degli altri che il Bail in era mortale, bensì l’avevano capito gli americani dopo Lehman. Dopo aver fatto la ‘fenomenata’ di aver fatto fallire Lehman, gli americani hanno capito che questa roba è come buttare benzina sul fuoco. Se tu hai un problema di gestione dell’economia cosa fai, rendi insicuri i depositi? Ci sono solo due possibilità…".

Quali?

"O la stupidità umana è oltre ogni confine, oppure ci sono interessi precisi che vogliono affondarci e che noi assecondiamo".

Ma il Bail in è imminente sì o no ed esistono contromosse di salvataggio?

"Ma il Bail in è già successo: chiedete che ne pensano i risparmiatori di BancaEtruria a quelli di CariFerrara. Ciò che è successo in quei casi è stata un’applicazione immediata del Bail in che, aggiungo, in questo momento mina la sicurezza di tutti perché il famoso fondo, la famosa garanzia dei centomila euro sui conti è una chimera; in realtà è il responsabile stesso del fondo interbancario che ci comunica simpaticamente che quel fondo non ha dentro più un centesimo. Quindi, anche la parte garantita in realtà è garantita da nulla; cioè in questo momento noi stiamo rischiando di fare un passo indietro di un secolo". 

Esiste una mossa per salvarsi?

"La mossa è già chiara ed evidente ed è stata decodificata da qualche secolo. Ci vuole così come negli Usa, garanzia statale assoluta su tutti i depositi fino a 100mila euro e su tutte le obbligazioni emesse prima del Bail in, ma con una cosa: che qualora questa garanzia venisse attivata, qualcuno che sta ai vertici delle banche, deve andare in galera. Come si tengono assieme queste due cose, ovvero tutelare il risparmiatore che è l’unico che non c’entra nulla nella mala-gestione delle banche ed evitare i comportamenti sconsiderati da parte della banca? Se c’è qualche buco che si crea interviene il pubblico e garantisce tutto; viceversa si prende per un orecchio e si mettono in galera il management della banca interessata sia i vertici di Bankitalia. Così, vedi che va tutto a posto". 
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]