Google Top, ecco i politici più ri-cercati: guida la Kyenge, bene Monti, male Grillo e Renzi

30 luglio 2013 ore 12:19, intelligo
Google Top, ecco i politici più ri-cercati: guida la Kyenge, bene Monti, male Grillo e Renzi
di Andrea De Angelis Metti una tigre nel motore... di ricerca. Luglio è stato un mese caldissimo per la politica italiana: dal giallo kazako al caso Calderoli-Kyenge, dalla convention di Scelta Civica ai difficili equilibri interni di Pd e Pdl, dalle parole di Napolitano all’ostruzionismo grillino. Un mese nel quale su Google, il principale motore di ricerca online, i nomi dei politici italiani sono stati ricercati con una frequenza più alta rispetto alla media annuale. Ne abbiamo scelti alcuni, per capire dove è andata l’attenzione dei cittadini. Al primo posto, indiscussa, si trova il ministro Cecile Kyenge, con un indice di ricerca pari a 100/100. Un record per l’esponente del governo, al centro della polemica legata alle frasi razziste rivoltele dal vicepresidente del Senato, Roberto Calderoli. Proprio il leghista è secondo, con un 53/100 che lo riporta ai livelli di qualche anno fa. Un caso, quello Calderoli – Kyenge, che dunque risulta essere stato al centro dell’attenzione degli italiani come nessun altro. Veniamo ai leader più noti, iniziando con il premier Enrico Letta, il cui indice è pari a 16, lo stesso di Angelino Alfano. Un punto in meno per Silvio Berlusconi (15), mentre Roberto Maroni è leggermente dietro: 14/100. L’ex premier Mario Monti segue ad 11, davanti a Pierferdinando Casini (10), Nichi Vendola (7),Giorgia Meloni (5) e Bruno Tabacci (3). Ci sono poi altri nomi che, a sorpresa, si attestano decisamente sopra a quelli appena elencati, come ad esempio Danielà Santanché con un indice di ricerca pari a 30/100, o il democratico Pippo Civati, addirittura a quota 38. Il ministro Maurizio Lupi è tra gli esponenti del Governo più ricercati (32), al pari di Mario Mauro (24). In casa Pd il segretario Guglielmo Epifani stacca di 23 punti il predecessore Pierluigi Bersani: 30 a 7, ponendosi al primo posto tra i segretari di partito. Veniamo poi a due indici che si attestano al di sotto delle aspettative: Beppe Grillo e Matteo Renzi. Entrambi infatti nel mese di luglio hanno un indice decisamente inferiore a quello degli scorsi mesi, nei quali erano al vertice delle ricerche. Il leader del Movimento 5 Stelle e il sindaco di Firenze si posizionano, entrambi, a quota 14/100. Infine concludiamo con le tre principali cariche dello Stato, che seguono un ordine non proporzionale. Al primo posto c’è infatti Laura Boldrini (12), seguita da Giorgio Napolitano (11) e Pietro Grasso (4).  
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]