… mentre il popolo del Cav. si organizza e lo adora. Ecco la lettera dell’Esercito di Silvio

30 luglio 2013 ore 14:29, Lucia Bigozzi
… mentre il popolo del Cav. si organizza e lo adora. Ecco la lettera dell’Esercito di Silvio
L’attesa è come una stretta al cuore per il popolo di Silvio. Che sta con gli occhi appiccicati agli schermi tv per capire come, quando accadrà e se accadrà… Nell’attesa si pensa, si parla, si ipotizza, si valuta, ci si interroga sul dopo (o sull’ora). Così a Montecitorio. Ma tra la gente del Cav. si fa altro: si spera, qualcuno prega, altri prendono carta e penna e scrivono una lettera aperta al leader.
E’ l’iniziativa di Simone Furlan, pasdaran dell’Esercito di Silvio. Una lettera ‘adorante’, perché il leader è adorato e mai come in questo momento, secondo le truppe berlusconiane, ha bisogno di sentire l’affetto di chi – appunto – lo adora. Ecco la missiva dell’imprenditore padovano che attende un segnale dal capo prima di 'scatenare' il suo Esercito. Caro Presidente, Le scrivo consapevole di interpretare il sentimento di milioni di italiani, che come me La ammirano e La stimano per quello che ha fatto prima da imprenditore e poi da imprenditore prestato alla politica. Ho appena concluso un tour con “l’Esercito di Silvio”, che mi ha portato in giro per l’Italia ed ho incontrato migliaia di persone che come me La ritengono il pilastro portante dei moderati italiani e considerano l’accanimento nei suoi confronti un danno per la democrazia. Ho toccato con mano la passione, l’entusiasmo ed il coraggio che suscita in quegli italiani che in Lei si riconoscono, che la ritengono l’unico statista che possiede le idee ed il coraggio necessario per salvare l’Italia e riportarla tra le “grandi” del mondo. Non so cosa accadrà stasera, spero, con speranza cristiana, che non venga scritta una delle pagine più tristi della nostra Repubblica, ma so con certezza cosa accadrà da domani mattina. Noi saremo con Lei sempre e comunque, non molleremo mai, esattamente come Lei ha dimostrato di non arrendersi difronte a nulla, da domani saremo ancora più convinti suoi difensori e sostenitori. Nessuno potrà mai cancellare quello che Lei ha, generosamente, fatto per questo Paese, come nessuno potrà mai toglierle la libertà di guidarci per costruire insieme un’Italia migliore. Adorato Presidente, noi siamo consapevoli che qualunque cosa accadrà, il suo immenso amore verso il suo popolo, continuerà, il suo spirito di condottiero combattente sarà il nostro faro. Ci batteremo come leoni e scriveremo una pagina favolosa per il futuro della nostra amata Italia. Siamo tutti con Lei, perché è il nostro amato Presidente; perché l’amore vince sempre sull’odio e sull’invidia. Simone Furlan Esercito di Silvio
autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]