E' cambiato il copyright di Twitter: ora cancellano chi ha copiato

30 luglio 2015, intelligo
E' cambiato il copyright di Twitter: ora cancellano chi ha copiato
Scatta la mania del copia e incolla anche su Twitter. Capita dunque che i tuoi 140 caratteri, magari ironici, giocati sul senso delle parole o dei paradossi, finiscano copiati e incollati tali e quali sull'account di un altro 'cinguettatore'. Ma da oggi niente paura: c'è il copyright perfino su Tw. E infatti, pare proprio che Twitter stia mettendo un pratica un sistema per cui i tweet segnalati come rubati vengono cancellati.

La prima ad aver segnalato la mania dei 'copioni' è stata Olga Lexell, scrittrice freelance di Los Angeles. Secondo The Verge, è stata lei a segnalare a Twitter che i suoi tweet erano stati 'clonati', specificando che per il suo lavoro i giochi di parole erano una parte importante dei messaggi da diffondere e dunque il fatto di vederli rubati e copiati la danneggiava anche sul piano professionale.

Secondo il Digital Millennium Copyright Act (DMCA) Twitter tutela i materiali coperti da copyright, e in generale si tratta di contenuti video e foto, o link che portano a siti che a loro volta non rispettano le norme del diritto d’autore. Finora, però, non era mai accaduto che qualcuno si appellasse al testo di un tweet e il suo contenuto. Ma si sa, c'è sempre una prima volta.
E che succede se il tweet viene cancellato? Ecco la risposta tweetteriana: l’autore ha 10 giorni di tempo per presentare la sua contro notifica. Twitter pubblica i risultati delle richieste sul sito Chilling Effects, anche se per ora non ha approfondito l'aspetto più di tanto. Segno evidente che si sta cercando la soluzione migliore e più efficace.

Ma c'è un rischio che The Verge evidenzia; ovvero che le aziende usino il mezzo per far cancellare post critici e recensioni negative sui loro prodotti. 

Insomma, occhio al tweet e a chi lo scrive...


Seguici su Facebook e Twitter

LuBi
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]