Non importa l'Europa, per Allegri la Juve è da 5° scudetto

30 luglio 2015, Marta Moriconi

Non importa l'Europa, per Allegri la Juve è da 5° scudetto
 La bandiera italiana meglio di quella europea. Si potrebbe sintetizzare così la conferenza stampa a Danzica di Massimiliano Allegri dove la Juve sfiderà il Lechia. 

Non vuole infatti parlare degli obiettivi europei, il vincitore dello scudetto tricolore, perché è proprio concentrato su un nuovo traguardo in Serie A nel nostro Campionato. Proprio per questo svela il primo obiettivo: "è il Tricolore, vogliamo entrare nella storia come la Juventus degli anni '30 e il Grande Torino". 

Quindi scudetto in primis poi si pensa al resto, la sfida italiana è difficile e in salita e non si può perdere tempo distogliendosi dal traguardo. 

 A contrastare il suo sogno infatti "la Roma, la Lazio, il Napoli... Sarà un torneo avvincente ed equilibrato" avverte. Sa bene che "non sarà semplice, perché ci sono squadre attrezzate come le due milanesi" ma si prepara a vincere. 

Allenandosi anche a Danzica: "Sarà importante per proseguire la preparazione in vista della Supercoppa, il nostro primo obiettivo" dice. E con Rugani in campo, a cui fa il regalo di compleanno di giocare titolare, cerca di coltivare giovani bravi dandogli tempo e spazio. Insomma per lui tutto è un test per superare se stessi ed entrare nel guinness sportivo prefissato. 

Anche se deve già fare i conti con infortuni importanti: "Spiace che Barzagli debba saltarla: ha accusato questo fastidio che lo terrà fermo per 15/20 giorni".

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]