E' morta Anna Marchesini, il coraggio e la comicità nell'ultima intervista - VIDEO

30 luglio 2016 ore 14:24, Micaela Del Monte
Due anni fa l'ultima apparizione in televisione, nel salotto di Fabio Fazio. Lì Anna Marchesini aveva mostrato al pubblico italiano le sue difficoltà fisiche dovute all'artrite reumatoide, senza rinunciare però alla sua ironia volta, in questo caso, anche ad esorcizzare la malattia.  Quello stesso anno Anna tornò anche a teatro, dopo sei anni di assenza, portando al Piccolo di Milano lo spettacolo "Cirino e Marilda non si può fare". La stessa Marchesini, in un'intervista al Corriere.it, parlò della cosiddetta realtà virtuale, protagonista assoluta del XXI secolo: "Non ho voglia di imparare questo genere di comunicazione che non comunica nulla. Desidero morire senza sapere nulla".  

E' morta Anna Marchesini, il coraggio e la comicità nell'ultima intervista - VIDEO
Oggi Anna Marchesini ci ha detto addio. A dare l'annuncio su Facebook è stato il fratello Gianni che ha scritto: "Prima che lo sappiate da quel tritacarne dell'informazione tengo a dirlo io. Ora in questo momento è morta mia sorella Anna Marchesini. Grazie a tutti. Non sarò in grado di rispondervi". 

Nata a Orvieto il 19 novembre 1953, si è laureata nel 1975 in Psicologia dell'Università di Roma e nel 1976 è entrata all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica Silvio D'Amico dove si è diplomata nel 1979 come attrice di prosa. Nell'estate del 1976 debutta nello spettacolo Il borghese gentiluomo di Molière, sotto la regia di Tino Buazzelli. 
Ha lavorato molto anche nel campo del doppiaggio, dando voce fra le altre a Judy Garland nella seconda edizione restaurata de Il mago di Oz (1980) nonché di numerosi ruoli in cartoni animati.

Nel 1982 esordisce con Il Trio Marchesini-Lopez-Solenghi esordì su RadioDue col programma radiofonico Helzapoppin. Nel 1985 il Trio fu scelto per 8 puntate televisive del varietà Tastomatto, affiancando Pippo Franco alla conduzione. Qui nacquero molti degli sketch che li resero famosi, come le prese in giro di telegiornali e pubblicità. Nel 1986, a Fantastico 7, diventano famosi a livello mondiale per una scenetta considerata offensiva nei confronti della madre di Ruhollah Khomeyni. 

La fama del Triosi consolida nel 1990 con I promessi sposi, rilettura parodistica del romanzo di Alessandro Manzoni, trasmesso su Rai 1 in 5 puntate, con un ascolto medio di 13 milioni di spettatori e picchi di 17 milioni.  Lo scioglimento del Trio avvenne nel 1994, sembra per il desiderio di Massimo Lopez di sperimentare una carriera da solo. Nel 1998 Anna Marchesini torna in tv con le sue caricature e parodie di personaggi in trasmissioni come Quelli che il calcio e La posta del cuore e poi al fianco di Fabio Fazio a Sanremo. Nel 2000 pubblica il libro Che siccome che sono cecata (motto caratteristico di uno dei suoi personaggi più conosciuti, la signorina Carlo). Poi l'attrice torna varie volte al doppiaggio e in teatro con La cerimonia del massaggio, tratto da un racconto di Alan Bennett e Le due zittelle di Tommaso Landolfi.


caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]