Inquietanti coincidenze: Parigi apre Cop 21 e Pechino chiude per smog

30 novembre 2015 ore 15:22, Andrea De Angelis
Inquietanti coincidenze: Parigi apre Cop 21 e Pechino chiude per smog
Il mondo guarda a Parigi, ma la Cina deve guardare più che mai a sé stessa.
Proprio nel giorno in cui la capitale francese è capitale del globo per l'avvio della Cop 21, la conferenza sui cambiamenti climatici più attesa dell'ultimo decennio, nel Paese asiatico è emergenza record per quanto riguarda l'inquinamento.

Secondo gli esperti, le possibilità di migliorare in modo radicale la situazione sono scarse fino a quando oltre l’80% dell’energia consumata in Cina continuerà ad essere fornita dal carbone. La Cina, che a Parigi sarà rappresentata al massimo livello dal presidente della Repubblica Xi Jinping, ha investito negli anni scorsi somme ingenti nello sviluppo di energia pulita, riuscendo però a coprire solo una percentuale minima dei consumi. Incontrando l’anno scorso a Pechino il presidente americano Barack Obama, Xi Jinping aveva dichiarato, come ricorda La Stampa, che il Paese raggiungerà il picco delle emissioni nel 2030 e da allora comincerà a ridurle, senza però fissare obiettivi precisi e vincolanti. Non è chiaro se ora il leader cinese cambierà la sua posizione come auspicato dagli ambientalisti. 

Intanto a Pechino, come riporta centrometeoitaliano, le autorità avrebbero invitato la popolazione a non uscire di casa. Una nuvola di smog enorme e giallastra ha infatti avvolto la città. Non una novità, certo, ma i livelli sono davvero da capogiro. Letteralmente. Il centro meteorologico cinese ha infatti aggiornato lo stato di rischio portandolo da giallo ad arancione, il secondo allarme più grave. La Cina ha un sistema di allarme meteorologico codificato in quattro livelli di colori, di cui il rosso rappresenta la situazione più grave, seguito dai livelli arancione, giallo e blu.
Stando ai dati di previsione diffusi dal Centro Meteorologico Nazionale (Nmc) cinese, lo smog continuerà ad avvolgere molte parti del nord della Cina anche domani e mercoledì, ha avvertito l'Nmc. Una grave concentrazione di inquinamento, insieme con lo smog, ha colpito Pechino, Tianjin, Hebei, Shandong, Shanxi e Henan fin da ieri e la situazione si conferma anche oggi.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]