“Chiamatemi Cloe” ragazzi. Il prof fa coming out (col posto fisso)

30 novembre 2015 ore 20:16, Adriano Scianca
“Chiamatemi Cloe” ragazzi.  Il prof fa coming out (col posto fisso)
“Ragazzi, da oggi chiamatemi Cloe”: gli studenti della prima agraria presso l’Iis Scarpa-Mattei di San Donà di Piave devono essere rimasti un bel po' sorpresi quando il loro professore di fisica, venerdì mattina, è entrato in classe vestito da donna e con una parrucca bionda. 

L’assessore regionale all’Istruzione Elena Donazzan, che ha sollevato il caso, ha riportato sul suo profilo facebook la mail ricevuta da un genitore, limitandosi a chiosare: “Traete da soli le vostre conclusioni”. Dal testo inviato dal genitore si evince che il prof sarebbe entrato in classe “con tanto di stivali con tacchi, minigonna, seno prorompente, chioma bionda”. Le parole del docente riportate dalla mail sono: “Lo desideravo da quando avevo 5 anni, l'ho fatto adesso perché sono diventato/a finalmente di ruolo”. 

Secondo il genitore, “nessuno era al corrente del fatto, i genitori non erano stati avvertiti, i docenti non ne sapevano nulla (forse il preside da quanto mi hanno riferito era al corrente ed ha autorizzato questa carnevalata)”. L'episodio resta ovviamente da verificare, anche se sul suo profilo facebook l'uomo avrebbe già assunto la nuova identità, mostrandosi con la famosa parrucca bionda e postando diversi articoli su vari gay pride dei mesi scorsi. Al di là della condizione personale del docente, resta il dubbio sull'opportunità di un simile modo di comunicare le proprie scelte individuali (se proprio vanno comunicate a degli adolescenti verso i quali i professori dovrebbero mostrare maggior distacco). E per quanto riguarda il momento scelto, c'è da capire cosa penseranno i tanti omosessuali che hanno deciso di venire allo scoperto in tempi e luoghi difficili rispetto a chi, per fare coming out, ha aspettato di avere il posto fisso.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]