Siria, Aleppo sempre più dei lealisti: determinanti gli Hezbollah

30 novembre 2016 ore 10:18, Americo Mascarucci
Prosegue con successo l’avanzata ad Aleppo est delle truppe del presidente siriano Bashar al Assad.
Lo riferisce il ministero della Difesa russo secondo cui nelle ultime 24 ore i quartieri liberati dall'Isis sarebbero saliti a 14: quindi due in più rispetto ai 12 dell'ultimo rapporto da Mosca.
Determinante il supporto delle truppe Hezbollah libanesi che hanno sfondato le linee a Nord-Est e preso il grande quartiere di Hanano.  
I ribelli hanno perso i pochi giorni un quarto dell’area che controllavano ad Aleppo Est, e ora controllano solo un terzo della città, dove si stima ci siano ancora dai 200 ai 250 mila abitanti. 
Siria, Aleppo sempre più dei lealisti: determinanti gli Hezbollah
Nei quartieri Ovest vivono invece circa 1,5 milioni di persone. L’avanzata è stata preceduta nelle scorse settimane da pesanti raid dell’aviazione governativa e russa. Damasco punta a dividere Aleppo Est in due sacche più piccole, per poi riconquistarla del tutto nelle prossime settimane. 

E' di almeno 40 civili uccisi nelle ultime 24 ore il bilancio di raid aerei governativi siriani e russi su Aleppo est, nel nord della Siria, come rilevano fonti dal terreno a conferma di quanto riferito dall'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) e dall'Aleppo Media Center, entrambe piattaforme vicine alle opposizioni armate. 
I media governativi siriani non fanno menzione di vittime nei bombardamenti. 
E' impossibile verificare in maniera indipendente sul terreno le informazioni provenienti da Aleppo. 
Secondo il ministero della Difesa russo, "dalle zone controllate dai miliziani sono usciti oltre 8.500 civili, tra cui circa 4.000 bambini". 
Inoltre, sempre stando a Mosca "durante il giorno, più di 140 militanti hanno usato i corridoi concessi a tutti i militanti disposti ad arrendersi, oggetto di un’amnistia concessa dal presidente della Siria".

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]