Esclusiva. Brosio su statua illuminata: «Prodigio o complotto, la Madonna di Vicka è in Parrocchia e ha già dato frutti. Mi fido di Papa Francesco»

30 settembre 2013 ore 15:52, Marta Moriconi
Esclusiva. Brosio su statua illuminata: «Prodigio o complotto, la Madonna di Vicka è in Parrocchia e ha già dato frutti. Mi fido di Papa Francesco»
La Madonnina di Lourdes, che si è illuminata a Medjugorje, in questi giorni ha occupato un posto privilegiato nelle reti Mediaset e su Tgcom24. Perché Paolo Brosio, è un giornalista che si è occupato dallo sport alla cronaca nera ma oggi, da convertito, è soprattutto un esperto delle apparizioni nel piccolo Paese croato. Conduttore televisivo di una trasmissione che indaga sui fenomeni religiosi, è riuscito ad avere un’intervista a Vicka, intervistandola in diretta per la prima volta. Ma Paolo non ci sta ad essere accusato di fanatismo. Parla della statuetta, in realtà una statua di 1,20m circa, e del suo “sequestro conservativo” avvenuto ieri… Perché tante critiche sul suo reportage a Medjugorje, dove è andato per indagare sul mistero della Madonnina di Vicka che si è illuminata? «Non le capisco. Faccio il giornalista, ho uno contratto come scrittore per cinque anni con Mondadori, su Rete Quattro sono conduttore di Viaggio a… Io faccio questo mestiere, perché mettermi in croce? Mi hanno inviato là a fare dei reportage, semplice. Poi una volta che ho scritto i testi e faccio la diretta, vado a pregare perché sono un convertito». Ci spiega bene il suo lavoro e le dirette da Medjugorje? «Sono stato chiamato a Medjugorje per un reportage. Ho lavorato notte e giorno per raccogliere immagini esclusive, come quando avevo 30 anni. Sono l’unico che ha mandato in onda l’immagine della Madonnina illuminata, ma non sono un fanatico religioso, solo un giornalista razionale ma grazie a Dio convertito. Ho parlato sempre di grande mistero rispetto a questo miracolo. O è una macchinazione tesa a screditare Medjugorje, oppure è un grande miracolo paragonabile secondo me a quello della Madonna di Guadalupe o alla Madonnina di Civitavecchia, ma dico tre volte se fosse vero, se fosse vero, se fosse vero». Ecco, il miracolo… C’è o non c’è? «Io ho fatto il mio lavoro. Sia in caso positivo che negativo si tratta di una grande notizia e vi spiego perché. Anche se fosse una grande macchinazione a carico di Medjugorje, è un segno che fa venire la voglia di pregare. E chi è tiepido aumenta la propria fede. Questa Madonnina ha già dato dei frutti». Come dire: Dio scrive dritto sulle righe storte? «I segni e prodigi servono a questo, altrimenti perché li fa?» Ma Vicka, con la quale hai passato diverso tempo in questi giorni, cosa ne pensa? «Io ho fatto tante domande a Vicka. Prima ricordo che l’evento è successo il 23 settembre che è San Pio e Padre Pio è una grande luce per l’umanità, un grande intermediatore tra il cielo e la terra. Il giorno dopo, il 24, alle 6:40 Vicka ha parlato con la Madonna, e anche il 25. Allora gli ho chiesto se la Madonna non le abbia detto niente, se si tratti di un prodigio o di una trappola. Mi ha risposto che la Madonna non le ha detto niente e lei non gliel’ha chiesto. “Se vuole dirmi qualcosa me lo dirà Lei” così mi ha risposto. Noi preghiamo». E’ stata una diretta “eccezionale”. Vero? «Certo, era la prima volta che Vicka parlava in diretta per l’Italia. La prima intervista l’ha rilasciata nel giorno del mio compleanno, il 27. Quando ho dato la notizia ai miei direttori di Rete 4, Canale 5, mi hanno detto “vai e raccontaci tutto”. Io ci sarei andato anche a nuoto, perché tutto quello che succede là per me ha un grande valore. E’ il più grande centro spirituale del mondo in questo momento». Ma ora la statuetta illuminata è alla portata di tutti? Come viene tenuta? «Partiamo da una considerazione che riguarda la mia difficile posizione: se c’è della vernice sopra mi verranno a dire che ho diffuso un’informazione sbagliata… ma se sono io a parlare di grande mister! Ora darò a voi il contenuto di quanto dato a Canale5. Ieri sera, alle 18:40 il parroco di Medjugorje con i familiari di Vicka, gli Ivankovic, hanno prelevato la statuetta (che la sera è bellissima, sembra di alabastro trasparente) dalla stanza delle apparizioni della Vicka, che è tra le veggenti più carismatiche della storia di Medjugorje. I fratelli se la sono caricata sulle spalle, e insieme ai frati l’hanno rinchiusa in una cassaforte blindata della Parrocchia di Medjugorje. E’ stata sottratta al fanatismo, ma soprattutto al rischio di una manipolazione a posteriori.. Così ora c’è una sorta di “sequestro conservativo, cautelativo”.. Poi sarà sottoposta all’attenzione di una Commissione di tecnici che dovrà analizzare internamente ed esternamente la statua. Alla ricerca della verità». Ma non è proprietà privata? «Vicka ha dato il permesso, per essere obbediente alla Chiesa e per il bene della verità. Che è quello che ho detto anch’io in questi giorni nei miei reportage. Verrà accertato se è un prodigio che viene da Dio o c’è un complotto contro Medjugorje». Come è la stanza dove Vicka ha questa statua? «E’ di 20mq circa. Ci sono fuori migliaia di persone in coda, inglesi, americani, cinesi, russi. Musulmani, serbi che pregano con i croati cattolici». E la statua "del mistero" quanto è alta? «1 metro e 20, 1 metro e 30». Era da solo lì come giornalista? Quanta attenzione mediatica c’era? «Non ero solo. C’erano tantissime troupe europee, e trovo che sia anacronistico che non ci fossero i colleghi della Rai. Io ero l’unico italiano. Una mia intervista all’Ansa su questo fatto è rimasta bloccata, non so perché. Alessandro Banfi, il direttore di Tgcom24, è stato correttissimo, ha atteso prudentemente il momento giusto, la notizia gliel’ho data lunedì ed è uscita martedì 24. E’ stato il primo organo di informazione italiana a dare la notizia, con le foto». Sa che in tanti l’hanno accusato di dar voce a qualcosa che può essere una trappola? «Ma io sono un giornalista. Devo dare le notizie. Perché se si illumina una statua a Lourdes non parto? Ho fatto di tutto a livello giornalistico. Ora seguo le notizie di Dio». Perché la statua è quella della Madonnina di Lourdes, Paolo? Ci ha riflettutto? «Se fosse un miracolo e non una trappola per screditare Medjugorje, penso a questo nesso: la Madonna di Lourdes è quella dell’11 febbraio e quando papa Benedetto XVI si è dimesso? Proprio l’11 febbraio. La luce è cominciata lì, da quel gesto umilissimo di Ratzinger, e si è manifestata poi il 13 marzo 2013 con l’elezione di Papa Francesco, che è il giorno di Fatima. Se questa cosa è vera, se questa cosa è vera, se questa cosa è vera (lo ripete sempre 3 volte, ndr)  allora abbiamo visto un grande segno e siamo di fronte ad un grande miracolo. E se accade un fatto del genere, io faccio il mio dovere. A me interessa il parere di Papa Francesco».
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]