Stupri, California: una legge elimina il silenzio assenso

30 settembre 2014 ore 10:31, Andrea De Angelis
Sarà necessario “un consapevole e volontario accordo per impegnarsi in un’attività sessuale”: con questa legge la California avvia una vera e propria rivoluzione per quanto riguarda il contrasto alla violenza sessuale.   

Stupri, California: una legge elimina il silenzio assenso

    Il governatore Jerry Brown ha firmato la proposta di legge del senatore democratico Kevin de Leon dopo che le associazioni in difesa delle donne e delle vittime di abusi nei campus avevano inviato petizioni all’ufficio di Brown per sollecitarlo in tal senso. Il progetto di legge, che riguarda tutte le scuole post secondarie, pubbliche e private, che ricevono fondi pubblici per il sostegno allo studio, cancella il vecchio principio “No significa No”, fin qui seguito, per adottare quello del consenso esplicito. Un sì è un sì, e deve venire da una persona in condizioni di pronunciarlo,  "un deciso, cosciente e volontario consenso". Lo slogan fino ad oggi era più vittimistico e soprattutto più difficile da provare.    

Stupri, California: una legge elimina il silenzio assenso

Molto positivi i commenti delle associazioni e delle vittime di violenza, come nel celebre caso di Emma Sulkowicz che va all'Università con un materasso, simbolo dell'abuso subito e della sete di giustizia.

La legge prevede che il consenso possa essere non verbale, ma il silenzio o la mancanza di resistenza non costituiscono una forma di consenso. Lo stesso discorso vale se la persona abusata è sotto l’effetto di alcool o droghe, cosciente o meno che sia, perché non può dare un vero consenso. I Repubblicani non hanno fatto opposizione al Senato, ma alcuni di loro hanno posto il dubbio se la legislazione statale fosse la sede appropriata per definire il consenso sessuale fra due persone.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]