Premio De Sica, il "no" di Benni Vs Franceschini

30 settembre 2015, Americo Mascarucci
Premio De Sica, il 'no' di Benni Vs Franceschini
Troppi tagli alla cultura, e così lo scrittore bolognese Stefano Benni ha rifiutato il premio De Sica, patrocinato dal Ministero dei Beni culturali che avrebbe dovuto ricevere direttamente dalle mani del ministro Dario Franceschini. 

Benni ha accusato espressamente il Governo Renzi di seguire l’esempio dei precedenti, trattando il settore della cultura come l’ultima risorsa del Paese. Una protesta simbolica legata al fatto che questo premio porta la firma del Governo ed è assegnato direttamente dal Ministro. Lo scrittore ha comunicato di aver deciso di rinunciare al premio dopo aver visto l’esecutivo Renzi accanirsi contro la cultura tagliando i fondi per la musica, il teatro, i musei, le biblioteche. 

Il suo nome non potrà essere aggiunto quindi alla schiera dei premiati nel nome del grande De Sica, almeno fino a quando in Italia non si invertirà la tendenza e non si ricomincerà, non a tagliare, ma ad investire sulla cultura. Insomma l’ennesimo grido d’allarme dell’ennesimo intellettuale noto al grande pubblico per la sua attività letteraria, ma anche come drammaturgo, umorista e sceneggiatore televisivo. Benni per altro fu anche battutista di Beppe Grillo, autore delle sue battute più celebri ma anche più taglienti, quelle per intenderci che facevano andare su tutte le furie e politici e che poi provocavano l’esilio del comico dalla Rai per periodi più o meno lunghi. 

Benni in sostanza non vede cambiamenti significativi nell’operato di Franceschini e nessuna concreta discontinuità rispetto allo sconsiderato e assurdo motto coniato dall’ex ministro Giulio Tremonti: “Con la cultura non si mangia”, giustificazione questa che il titolare dell’Economia dei governi Berlusconi avanzò per motivare la riduzione sempre più drastica dei fondi alla cultura, mandando su tutte le furie il collega dell’epoca Sandro Bondi che sedeva al posto di Franceschini. Chissà come la prenderà l’attuale Ministro nel sentirsi paragonato all’inventore dei tagli lineari?
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]