30 miliardi per i farmaci: è boom

30 settembre 2015, Micaela Del Monte
30 miliardi per i farmaci: è boom
L'I-Com, Istituto per la competitività, ha dedicato il Rapporto ‘La grande scommessa dell’innovazione farmaceutica’, presentato oggi a Roma, all'enorme mole di spese che sistema sanitario italiano potrebbe non essere in grado di sorregge nei prossimi anni.

Spese relative alla crescita della ricerca farmaceutica e all'impegno finanziario necessario a ripagare farmaci più costosi, secondo il rapporto infatti nel 2019 la spesa potrebbe sfiorare i 30 miliardi di euro.

Il rapporto I-Com mette in luce tre possibili scenari, che descrivono in cifre i costi a cui il Ssn (Sistema Sanitario Nazionale) potrebbe andare incontro. Tutti i dati sono stati elaborati a partire dai rilievi di spesa farmaceutica 2011/2014 e dalle previsioni di spesa contenute nel Def 2015. 

"Nello studio - commenta Stefano da Empoli, presidente di I-Com - abbiamo rilevato come la spesa sanitaria pubblica si collochi ancora sotto la media europea, nonostante tra il 1990 e il 2014 sia aumentata del 166,8% in termini nominali e del 41,6% in termini reali, con un out-of-pocket, cioè la spesa direttamente a carico dei cittadini, che già oggi è uno dei più elevati nella Ue. Di fronte all'ondata di farmaci innovativi a cui assisteremo nei prossimi anni, la scelta per i protagonisti della filiera della salute è duplice e senza appello: mettere a punto un sistema di governance condiviso, accettando la sfida dell'innovazione, oppure soccombervi rinunciando alla sostenibilità del Ssn o al suo carattere universalistico".

Gli scenari in questo senso potrebbero essere tre:

Scenario di base: alle condizioni vigenti, il tasso di crescita della spesa farmaceutica totale passerebbe dal +0,3% del 2015 al +2% del 2019, a 28,8 miliardi di euro. Secondo questa proiezione, nel 2050 si arriverebbe a un valore di 60 miliardi. 

Scenario intermedio: ipotizzando per l’Italia un tasso di crescita medio annuo della spesa del 2% (in linea con la stima Ims Health per i primi 5 Paesi Ue), la spesa farmaceutica totale sarebbe pari a 29,4 miliardi di euro nel 2019. 

Scenario elevato: ipotizzando per l’Italia un tasso di crescita medio annuo della spesa del 2,2% (in linea con la stima The Economist Intelligence Unit per l’Europa occidentale), la spesa farmaceutica totale salirebbe a 29,7 miliardi nel 2019. 

Dalle tre prospettive, quello che emerge è che variazioni di anche pochi decimi di punto percentuale nel tasso di crescita medio annuo ingenerano un impatto dirompente sulla spesa farmaceutica, con un incremento di molte centinaia di milioni di euro. Senza dimenticare che, dal 2020 in poi, il tasso di crescita potrebbe impennarsi ulteriormente, con un vero e proprio ‘effetto tsunami’ sul Ssn.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]