Sanità Lazio: addio ricette rosse. Da oggi online

30 settembre 2015, Micaela Del Monte
Sanità Lazio: addio ricette rosse. Da oggi online
Bye bye ricette rosse cartacee, la Regione Lazio dà il via alle prescrizioni online.

Avrà inizio domani in tutto il territorio regionale la rivoluzione già sperimentata nelle Asl di Viterbo dallo scorso 13 aprile e coinvolgerà i 4.800 medici di medicina generale, gli 800 pediatri di Libera scelta, nonché tutte le 1.500 farmacie del Lazio, tecnicamente già pronte a recepire l’innovazione.

"Da domani parte un'altra grande innovazione della sanità del Lazio per diminuire i costi e migliorare la qualità dei servizi. Le ricette rosse scompariranno e ci sarà la dematerializzazione della ricetta. Il medico metterà la prescrizione in un codice a barre e il cittadino potrà andare in farmacia e vedere immediatamente riconosciuta la prescrizione del farmaco". È stato il commento del presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, all'introduzione della ricetta medica elettronica.

"Questo aumenterà di molto la sicurezza, quindi non ci sarà più confusione o rischio, che sono peggio degli errori, e permetterà di risparmiare almeno un milione e mezzo di euro l'anno visto che oggi nel Lazio si consumano 60 milioni di ricette l'anno, e soprattutto - ha aggiunto Zingaretti - rafforzerà una banca dati che quotidianamente dirà quanti farmaci sono prescritti nel Lazio quanti consumati e quindi rafforzerà politiche attive di controllo della spesa ma non tagliando i servizi ma ottimizzando la spesa. Questa è una grandissima rivoluzione. Sia i farmacisti che i medici di medicina generale hanno dato una grande mano".

In sostanza, con l’introduzione della ricetta elettronica, il medico si connetterà tramite il proprio Pc (in futuro anche tablet o smartphone) al sistema Sogei (Sac) ed effettuerà la prescrizione online acquisendo direttamente il codice fiscale dell’assistito. Il medico stamperà su foglio bianco il promemoria con un codice a barre da consegnare all’assistito. Il farmacista, quindi, con un lettore ottico, rileverà oltre al codice fiscale del paziente anche il farmaco prescritto, eliminando in tal modo ogni possibilità di errore. L’obiettivo è quello di eliminare al più presto anche il promemoria e mettere in condizione l’assistito di recarsi in farmacia per l’acquisto dei medicinali munito solo ed esclusivamente del tesserino sanitario. Il progetto permetterà la completa tracciatura informatica dell’attività di prescrizione del medico e l’erogazione da parte della farmacia.
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]