Firenze, festa dell' Unità (mancata): L'Anpi dice no e diserta

31 agosto 2016 ore 9:50, Americo Mascarucci
L’Anpi (Associazione nazionale Partigiani)  ha annunciato che diserterà la Festa dell’Unità di Firenze organizzata al parco delle Cascine fino all’11 settembre. 
Terreno di scontro ancora una volta il referendum costituzionale del prossimo autunno, con l’Anpi schierata per il NO alla riforma voluta dal governo Renzi. 
"Il Pd di Firenze – spiega l’Anpi provinciale in una nota – ha invitato la nostra associazione a essere presente con un proprio banchino. Ma dopo alcuni contatti telefonici, la segreteria del Partito democratico metropolitano di Firenze ha formalmente risposto dicendo di ritenere difficilmente conciliabile la compresenza di opinioni opposte all'interno di una festa caratterizzata dalla campagna per il ‘sì’ al referendum". 

Firenze, festa dell' Unità (mancata): L'Anpi dice no e diserta
Ecco così che "l'Anpi di Firenze è fuori dalla festa di Firenze, malgrado le rassicurazioni di Renzi in quanto segretario del Pd. Continua l'ostracismo verso chi non condivide il Sì al referendum come l'Anpi, che viene di conseguenza esclusa dalle feste de l'Unità. Questa nuova piroetta politica si spiega solo con il timore che cresca l'area del dissenso nell'elettorato del Pd, nel cui ambito stanno aumentando le prese di posizione a favore del No man mano che ci si rende conto, squarciata la cortina di propaganda, che le ragioni di fondo sono in gran parte le stesse che portarono Scalfaro a guidare lo schieramento del No che vinse nel 2006". Lo afferma Alfiero Grandi, vicepresidente del Comitato per il Noal referendum. 
Il sostegno del Comitato del No all'Anpi "è convinto e pieno e valorizzeremo in tutte le forme possibili il ruolo di Carlo Smuraglia e della sua organizzazione", conclude.
 "Prendiamo atto – scrivono Vania Bagni e Luigi Remaschi, vicepresidenti dell'Anpi fiorentino – che a Firenze non si siano potute replicare le soluzioni che altrove, come a Bologna e a Reggio Emilia, hanno permesso all’Anpi di essere presente nelle analoghe feste del Pd. Auspichiamo – concludono – che permanga comunanza di valori e che si concretizzi la possibilità di un confronto sincero e costruttivo sul tema della riforma costituzionale, e che, nell'interesse di tutte le cittadine ed i cittadini, la discussione possa essere ampia e partecipata". 

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]