Hacking Team, Tofalo (Copasir): "Dovrebbe preoccupare più del terrorismo"

31 luglio 2015, Marta Moriconi
Hacking Team, Tofalo (Copasir): 'Dovrebbe preoccupare più del terrorismo'
Oggi è il giorno dell’allarme terrorismo su Roma in vista del Giubileo straordinario lanciato dal sindaco Marino. Nella conversazione con Intelligonews il membro 5 stelle del Copasir, Angelo Tofalo, definisce l'allerta del primo cittadino di Roma "un messaggio non tanto criptato al suo partito". Per lui si tratta di "discussioni di basso livello", quanto alla Sicurezza Nazionale ha qualcosa da dire però...

"Questo è il primo Giubileo dopo l'11 settembre 2001 e dell'epoca dell'Isis. Tutte le indicazioni che abbiamo dai servizi segreti americani, come mi hanno confermato i Sindaci statunitensi con i quali ho parlato recentemente parlano di rischi concreti per l'Italia e Roma. E io non ho la possibilità di difendere la capitale dal terrorismo con la polizia locale". Come legge l'allarme sul pericolo terrorismo del Sindaco di Roma, Ignazio Marino, che al Corriere della Sera, esprime queste sue preoccupazioni in questo modo?

"I nostri Servizi Informativi per la Sicurezza, i Servizi Segreti per intenderci, avranno anche parecchi difetti e problemi al loro intenro ma sul lato del terrorismo credo siano stati sempre precisi ed attenti fornendo di volta in volta il quadro informativo puntuale della situazione. Al Copasir abbiamo richiesto, e richiediamo tutt'ora, costanti audizioni per farci aggiornare e per monitorare l'operato. Credo che le dichiarazioni del Sindaco Marino vadano lette nell'ottica del voler mandare messaggi non tanto criptati al suo partito. Triste però parlare di Sicurezza Nazionale e di argomenti così delicati in discussioni di così basso livello". 

Il rischio attentati è concreto, va bene. Ma il sindaco cosa potrebbe fare?

"Il rischio c'è come detto già mesi fa. L'allerta rimane alta ed è sicuramente concreta. Un Sindaco, e soprattutto un Sindaco del Pd (il partito del Primo Ministro Renzi) dovrebbe operare senza creare eccessivi allarmismi, ma coordinandosi al meglio con il suo governo centrale".

Chi ha più responsabilità in tema di terrorismo? I Comuni o il governo?

"Senza ombra di dubbio il governo. Ricordo che per legge, art. 1 della 124 del 3 agosto 2007, il responsabile generale della politica dell'informazione per la sicurezza è il Presidente del Consiglio dei Ministri".

Al Copasir cosa risulta di allarmante?

"Al Copasir la situazione di allarme resta quella già analizzata e data nelle scorse settimane, ma con l'aggiunta di un ulteriore elemento, mi riferisco alla vicenda Hacking Team... Anche in Italia, come in America, con la "scusa" del terrorismo, da anni vengono utilizzati software di inaudita potenza, definiti addirittura unici al mondo da qualcuno...questa situazione dovrebbe, a mio modesto parere, preoccupare almeno quanto preoccupa il terrorismo".



Seguici su Facebook e Twitter
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]