Infermeria Juventus, dopo Bonucci preoccupano Dybala e Khedira

31 marzo 2016 ore 10:48, Andrea De Angelis
La Juventus tira un sospiro di sollievo. Enorme. Perché ci sono giocatori insostituibili o quasi. Poi bisogna fare i conti con gli infortuni, certo. Ma ci sono anche calciatori che sembrano essere immuni da questo tipo di problemi. Sarà la fortuna, la bravura negli allenamenti, la capacità di saper dosare bene le energie (qualità tanto richiesta, quest'ultima, soprattutto ai centravanti over 35). Uno di questi campioni a cui un allenatore non vuole mai rinunciare è sicuramente Leonardo Bonucci, leader della Juventus e della Nazionale insieme (in entrambi i casi) a un certo Gigi Buffon. Altro giocatore per il quale sarebbe inutile spendere altre parole di lode. 

Eppure due sere fa, in una brutta amichevole persa contro la Germania per 4-1, Leonardo Bonucci è andato ko. Proprio ora che la corsa scudetto entra nella sua fase più calda e a due mesi dall'inizio dei lavori per gli Europei, il forte difensore centrale di Viterbo si è bloccato. A parlare a fine gara era stato lo stesso azzurro: "Vediamo quello che dice la risonanza magnetica. Una contrattura? Vediamo che succede - ha spiegato il difensore bianconero - ho sentito una fitta all’inguine, e scrocchiare. Aspettiamo, tutto è possibile". L'entità dell'infortunio infatti non è stata subito chiara: contrattura, stiramento? O un semplice risentimento? Le ipotesi di stop forzato andavano dai dieci ai quaranta giorni. Una differenza abissale. 
Per fortuna della Juventus e per la gioia dei suoi milioni di tifosi l'esito è stato dei migliori. Il difensore infatti dovrà fermarsi per meno di una settimana e salterà soltanto la partita contro l'Empoli, nella quale comunque sarebbe stato indisponibile lo stesso perché squalificato. C'è dunque la certezza di riaverlo in squadra già il 9 aprile per la delicata sfida contro il Milan. 

Infermeria Juventus, dopo Bonucci preoccupano Dybala e Khedira
Il problema però è l'infermeria bianconera nel complesso. Perché dopo le amichevoli nazionali sono rientrati acciaccati anche i vari Evra e Khedira, con quest'ultimo difficilmente impiegabile per la gara contro i toscani di domenica. Con l'Empoli potrebbero essere lasciati a riposo anche Marchisio e Dybala, visto che l'argentino in particolare non ha ancora recuperato dall'infortunio muscolare di dieci giorni fa ed è rientrato anzitempo dalla convocazione dell'Argentina. 
Insomma, per Allegri i grattacapi continuano e sono già cinquanta (!) gli infortuni che ha dovuto registrare in questa stagione. Nonostante questi numeri impressionanti, che fanno della Juventus una delle squadre più incerottate d'Europa, i campioni in carica continuano a mantenere il primo posto in classifica grazie a una rosa davvero ampia e competitiva. Con l'Empoli, ad esempio, potrebbero giocare dal primo minuto Sturaro o Asamoah a centrocampo, mentre dietro è quasi certa la presenza di Rugani (ex di lusso). Davanti, senza Dybala, uno tra Morata e Zaza affiancherà Mandzukic, anche lui arruolabile dopo il lungo stop di fine inverno. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]