Piombino sotto choc, fermata un'altra infermiera accusata di aver ucciso 13 pazienti

31 marzo 2016 ore 10:16, Americo Mascarucci
Piombino è sotto choc: è stata arrestata dai Carabinieri del Nas con l'accusa di omicidio continuato aggravato a danno di pazienti un'infermiera professionale dell'ospedale della cittadina. Dopo una serie di indagini, l'operatrice sanitaria è stata fermata per omicidio volontario continuato. Ad essere stati monitorati sono gli anni 2014 e 2015 e 13 sarebbero i pazienti tutti ricoverati presso l'Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione dell'Ospedale civile di Piombino che sarebbero morte non per cause naturali. Si parla di malati a vario titolo e per diverse patologie.

Grazie all'operazione "Killer in corsia" ieri sera è scattato il fermo per la signora, raggiunta da un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Livorno nei confronti della donna. Per lei è stato emesso anche un decreto di perquisizione. 

Di poco tempo fa, la notizia dell'ergastolo, senza isolamento diurno e con l’esclusione dell’aggravante dei motivi abbietti e la conferma di quelle della premeditazione e dell’uso di un mezzo venefico per un'ex infermiera dell’ospedale Umberto I di Lugo, nel ravennate, accusata di avere ucciso una sua paziente iniettandogli una dose letale di potassio.
La sentenza dei giudici della corte d’assise di Ravenna è stata eclatante, perché  é stata applicata la pena massima per chiudere il caso.

Piombino sotto choc, fermata un'altra infermiera accusata di aver ucciso 13 pazienti

caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]