Terremoto, Mattarella da Israele: "Diritto a vivere sicuri in casa"

31 ottobre 2016 ore 9:33, Andrea De Angelis
Parole forti, nette. Senza possibilità di essere fraintese. Sono quelle pronunciate dal Capo dello Stato in visita ad Israele, da dove è stato costantemente tenuto informato sulla situazione italiana relativa al nuovo terremoto che ha colpito il centro del Paese ieri, domenica 30 ottobre. 

"Dobbiamo assolutamente assicurare la ricostruzione del territorio''. Così Sergio Mattarella, in visita a Gerusalemme, ai microfoni di Rainews24. "Lo Stato deve essere molto vicino" alle popolazioni colpite dal sisma perché vengano "superate le difficoltà'' del momento, ha aggiunto. E ha sottolineato come debbano venire meno le polemiche perché questo è il momento "della solidarietà" e della collaborazione. Un messaggio che ha già raggiunto l'opposizione, con il Movimento 5 Stelle che si è mostrato disponibile a lavorare insieme alla maggioranza in Parlamento.

Terremoto, Mattarella da Israele: 'Diritto a vivere sicuri in casa'

Serve il "contributo di tutti, di ogni parte, di ogni territorio, di ogni opinione, perché a tanti nostri concittadini in difficoltà venga garantito il diritto di vivere con tranquillità nelle proprie case", ha spiegato ancora il Presidente della Repubblica.
Parole pronunciate in Israele, con cui appena tre giorni fa è scoppiata la polemica per altre dichiarazioni, questa volte provenienti dall'esecutivo israeliano. Il viceministro Ayooub Kara aveva parlato del terremoto di quattro giorni fa nel centro Italia come di una "punizione divina" contro il nostro Paese che si è astenuto in sede Unesco sulla risoluzione per Gerusalemme.
Così il Quirinale, attraverso una triangolazione che ha coinvolto la Farnesina e lo stesso governo di Tel Aviv, ha preteso una smentita ufficiale da parte dell'esecutivo israeliano. Smentita puntualmente arrivata proprio nell'imminenza del viaggio ufficiale di Mattarella nel Paese. 
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]