Terremoto, Renzi convoca i ministri. Grillo: "Disponibili a collaborare"

31 ottobre 2016 ore 13:39, Lucia Bigozzi
Un Consiglio dei ministri straordinario per fare il punto sul 'nuovo' terremoto che ha squassato il Centro Italia, colpendo ancora una volta Umbria, Marche e le zone già devastate dal sisma dello scorso 24 agosto, Amatrice in primis. Il premier ha fatto appello all'unità del Paese e tra le forze politiche, in un momento tanto delicato. Dunque la sollecitazione è a superare “polemiche e divisioni”. Appello per il momento raccolto e condiviso anche dalle forze politiche di opposizione e tra queste il Movimento 5Stelle che con il suo leader Beppe Grillo, si dice “disponibile a collaborare”.  Il terremoto che da mesi devasta le zone dell'Italia Centrale e in particolare la nuova fortissima scossa di magnitudo 6.5 registrata ieri mattina è risultata più grave del sisma che negli anni '80 colpì l'Irpinia, ha ricordato il premier che poi ha aggiunto: “Siamo in presenza di un dolore profondo, di uno stress e una stanchezza che non deve tramutarsi in rassegnazione. Il popolo di quelle terre sta vivendo da settimane in condizioni di precarietà fisica. Tante persone sono scese in strada e hanno pensato a mettere in salvo i bambini. E' fondamentale che arrivi un messaggio di solidarietà, vicinanza e compassione. Bisogna soffrire insieme in questa terribile pagina per il nostro Paese”. 

Terremoto, Renzi convoca i ministri. Grillo: 'Disponibili a collaborare'
E a proposito di risposte da parte dello Stato, Renzi ha assicurato che sarà “immediata e puntuale”, sottolineando che “tutto sarà ricostruito: case, chiese, esercizi commerciali”.
Un esempio su tutti: “Vogliamo che Norcia abbia un futuro e per farlo dobbiamo rimettere a posto case, chiese e negozi. Le risorse ci sono, pronti a mettere anche di più”, ovvero “tutto quello che serve per la ricostruzione lo prenderemo: le risorse ci sono già, se ci sarà l'esigenza di allargare le condizioni economiche siamo in grado di farlo, l'Italia non lesinerà sulla ricostruzione di questa zona del Paese”, ha garantito il premier che oggi comunicherà il piano di intervento di Palazzo Chigi che, per lo stanziamento di risorse, potrebbe passare da un'integrazione o una modifica al piano già varato per Amatrice. 

autore / Lucia Bigozzi
Lucia Bigozzi
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]