Marò, l’India presenta il conto (la cauzione) all’Italia. Terzi: umiliante

04 agosto 2014 ore 16:53, intelligo
Marò, l’India presenta il conto (la cauzione) all’Italia. Terzi: umiliante
La Corte Suprema di New Delhi ha autorizzato il rinnovo della cauzione per trattenere in ‘libertà condizionata’ in India Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. Notizia rimbalzata in Italia con relative nuove polemiche.
L’ex ministro degli Esteri Giulio Terzi lo definisce “un altro paradossale tocco a uno scenario surreale, umiliante per l'Italia e le sue Forze Armate”. Il titolare della Farnesina ai tempi del governo Monti si dimise in polemica con il rientro dei due marò in India deciso dall’esecutivo. Per Terzi “la decisione odierna indiana convalida anzitutto lo stato di fermo, del tutto illegale per il diritto internazionale dei nostri due fucilieri. Non era certo quello che si aspettavano tutti coloro che seguono con apprensione questa vicenda da 490 giorni: dal momento cioè del rinvio in India di Latorre e Girone con la promessa che sarebbero tornati nel giro di poche settimane”. Sulla stessa lunghezza d’onda il j’accuse di Ignazio La Russa, parlamentare di Fdi ed ex ministro della Difesa: “La condizione dei nos tri Marò peggiora anzichè migliorare. Le promesse del governo sono a zero. Senza mobilitazione popolare non si muoverà nulla. Lo capiscano tutti coloro che davvero vogliono il loro pronto ritorno in Italia. A partire dai familiari che debbono dare un segnale chiaro e forte”.
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]