Scuola, Giannini “licenzia” i sindacati anti-assunzioni

04 agosto 2015, intelligo
Scuola, Giannini “licenzia” i sindacati anti-assunzioni
La scuola è chiusa, insegnanti e alunni in vacanza, ma le polemiche non conoscono ferie. La tanto contestata riforma della scuola tiene banco e c’è da credere che a settembre col ritorno in aula, sarà un autunno caldissimo. 

I motivi sono molteplici: intanto l’atteso piano di assunzioni che dovrebbe stabilizzare qualcosa come centomila precari; poi c’è da vedere come prenderà avvio e dunque forma il nuovo ruolo del preside-manager, tale anche nella selezione dei docenti. Insomma, di carne al fuoco ce n’è tanta. Ma è proprio sul pacchetto assunzioni che si riapre la querelle. Stavolta per iniziativa del ministro all’Istruzione Stefania Giannini che nel corso di un incontro a Marina di Pietrasanta ha rilevato come sia “curioso che il Governo assume e i sindacati criticano”. 

Una stoccata bella e buona all’indirizzo dei sindacati e il ministro ha rincarato la dose: “C'è un piano di assunzioni che riguarda più di 100 mila persone. Che su questo si faccia polemica è difficile da comprendere”. Dunque, il ministro tira dritto, per nulla preoccupata dalla promessa del M5S di impugnare la riforma della Scuola davanti alla Consulta: “Il M5S farà ricorso? Lo facciano, noi dobbiamo governare. Giannini ha infine sottolineato anche la previsione di 500 euro netti all’anno per la formazione personale degli insegnanti”.

Della serie: numeri contro parole. Chi vincerà?



Seguici su Facebook e Twitter

LuBi


autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]