Piano Ue-Turchia funziona, ci siamo: primo trasferimento di migranti in Germania

04 aprile 2016 ore 14:39, intelligo
Vi ricordate l'accordo Turchia e Ue sui migranti?  Citava: Tutti i nuovi migranti irregolari che hanno compiuto la traversata dalla Turchia alle isole greche a decorrere dal 20 marzo 2016 saranno rimpatriati in Turchia, nel pieno rispetto del diritto dell'UE e internazionale, escludendo pertanto qualsiasi forma di espulsione collettiva. E poi: per ogni siriano rimpatriato in Turchia dalle isole greche un altro siriano sarà reinsediato dalla Turchia all'UE tenendo conto dei criteri di vulnerabilità delle Nazioni Unite. Sarà istituito, con l'assistenza della Commissione, delle agenzie dell'UE e di altri Stati membri nonché dell'UNHCR, un meccanismo inteso a garantire l'attuazione di tale principio a decorrere dallo stesso giorno dell'avvio dei rimpatri. 

Dunque la priorità andava accordata ai migranti che precedentemente non fossero entrati o non avessero tentato di entrare nell'UE in modo irregolare, con tanto di Turchia pronta a qualsiasi misura necessaria per evitare nuove rotte marittime o terrestri di migrazione irregolare dalla Turchia all'UE e collaborerà con i paesi vicini nonché con l'UE stessa a tale scopo.
Dunque ci siamo. E' atterrato ad Hannover, in Germania, il primo gruppo di rifugiati siriani partito dalla Turchia per essere ricollocato in Europa nell'ambito dell'accordo con Bruxelles. 202 rinvii di migranti giunti nelle scorse settimane in Grecia e come previsto all'alba di oggi i profughi saranno messi su imbarcazioni dirette verso le coste turche dagli agenti della agenzia europea di protezione delle frontiere Frontex. 136 migranti sono stati imbarcati a Lesbo e 66 nella vicina isola di Chios.
Giorgos Kyritsis, portavoce di un comitato di crisi dei rifugiati del governo, alla tv di Stato, si è espresso così: "Tutti i migranti che sono stati imbarcati arrivano dal Pakistan ad eccezione di due provenienti dalla Siria, che sono tornati volontariamente".

E poi? Gli attraversamenti irregolari fra la Turchia e la UE vengono si ridotti ma è il programma volontario di ammissione umanitaria che conta. E gli Stati membri dell'UE contribuiranno al programma su base volontaria, vedremo come continueranno a rispondere gli Stati a questa esigenza.

autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]