Perché Enrico Mentana vuole querelare Beppe Grillo

04 gennaio 2017 ore 9:23, Andrea De Angelis
Enrico Mentana, il giornalista più caro al mondo dei social, vuole querelare Beppe Grillo, il cui blog spopola in rete. Una lotta tra giganti del web, verrebbe da dire, anche se il primo, con le sue "maratone" e l'informazione quotidiana, è chiaramente uno dei volti più noti (e apprezzati) del piccolo schermo. Insomma, uno scontro che parte dalle "bufale" e rischia di finire in tribunale, almeno stando a quanto detto dal direttore del Tg di La7. Non una roba di poco conto, con la quale inizia un anno che rischia di avere la libertà del web e l'informazione al centro. O di sicuro tra i temi più caldi sui quali anche la politica, nonché l'opinione pubblica, sarà chiamata a riflettere ed esprimersi.

Perché Enrico Mentana vuole querelare Beppe Grillo
Cerchiamo di capire dunque cosa è accaduto. La polemica ha inizio l'ultimo giorno dell'anno, anzi il penultimo con le dichiarazioni di Pitruzzella. Lo hanno detto in modo più o meno esplicito poi sia Gentiloni che Mattarella, la rete deve essere controllata meglio. E lo ha ripetuto soprattutto con forza il capo dell'Antitrust Pitruzzella. Ed è polemica. La prima reazione di Grillo (che ha parlato di Inquisizione) nasce anche dal fatto che Pitruzzella, parlando con il Financial Times, ha affermato che “in politica la post-verità è uno dei motori del populismo e una delle minacce alla nostra democrazia". In questo momento, continuava il suo ragionamento, "siamo a un crocevia: dobbiamo scegliere se lasciare internet così com'è, come un selvaggio West, o se ci servono regole adatte al cambiamento subito dalla comunicazione". Poi però ieri il leader del Movimento 5 Stelle ha rincarato la dose e, piccata, è arrivata la risposta di Mentana.
"Le accuse di Beppe Grillo ci toccano direttamente perché c'è anche il logo del Tg di La7 tra quelli riportati dall'immagine pubblicata sul blog M5s in corrispondenza del post intitolato 'Una giuria popolare per le balle dei media'". A dirlo è lo stesso direttore Enrico Mentana, in apertura dell'edizione delle 20 del Tg di La7. "Questa è un'offesa al nostro lavoro", spiega Mentana. "Abbiamo quindi deciso di querelare per diffamazione il garante del Movimento 5 stelle cioè Beppe Grillo". Mentana invita quindi Grillo in studio e annuncia che, nel caso La7 vinca la causa, i fondi andranno alle popolazioni terremotate.
caricamento in corso...
caricamento in corso...