Zaza, le scuse non bastano e il web non perdona - La satira

04 luglio 2016 ore 13:11, Micaela Del Monte
Il ritorno in patria è stato traumatico un po' per tutti i nostri nazionali che al rientro dalla Francia dopo la sconfitta con la Germania si sono dovuti scontrare con la realtà dei fatti e soprattutto con i tifosi azzurri che erano pronti all'aeroporto in attesa del loro sbarco. A dirla tutta i nostri tifosi hanno accolto Conte e ragazzi con grande entusiasmo, come se sapessero che quello che è stato fatto a Euro 2016 era già tanto per quello che l'organico dell'Italia poteva fare. 

atto sta che molti dei protagonisti, soprattutto "negativi", si sono fermati a raccontare le loro versione dei fatti ai tifosi. Prima Graziano Pellè, poi Simone Zaza, entrambi dopo la figuraccia fatta davanti a Neuer hanno chiesto scusa. E se Pellè è sembrato totalmente rammaricato per il suo gesto il centravanti delle Juventus invece ha trovato qualche scusa per non addossarsi tutte le colpe. 

"Mi dispiace aver deluso gli italiani, ho sbagliato il rigore più importante della mia vita e lo porterò sempre con me - ha detto il giocatore faticando a trattenere le lacrime nel ricordare l'episodio -. Ho tirato sempre così, ero convinto di poter far gol e del resto l’avevo spiazzato, ma la palla è partita ed è andata così. È difficile e cercherò di riprendermi, ma voglio che gli italiani sappiano quello che abbiamo fatto, non è giusto che un episodio cancelli quello che abbiamo dato col cuore".

E se i tifosi a Malpensa si sono rivelati pronti a perdonare, sul web le cose sono state completamente diverse. Zaza, la sua rincorsa e il suo rigore sono infatti finiti mirino della satira online. 

<
>
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]