Benigni a Palazzo Madama per celebrare Dante: “Giusto in tempo, tra due anni senato sparisce”

04 maggio 2015, Marco Guerra
Benigni a Palazzo Madama per celebrare Dante: “Giusto in tempo, tra due anni senato sparisce”
Nel giorno dell’approvazione dell’Italicum anche Benigni ricorda ai senatori il loro prossimo destino da pensionati. 

L’attore toscano, entrato questa mattina a palazzo Madama per celebrare 750° anniversario della nascita di Dante, ha esordito nell’aula con il solito umorismo: "E' andata bene che l'anniversario della nascita sia capitato quest'anno, che se cadeva tra due anni il Senato non c'era più, abolito. Dante ci ha pensato a nascere al momento giusto"

Davanti al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al presidente del Senato, Pietro Grasso, e al presidente emerito, Giorgio Napolitano, Benigni ha fatto anche un parallelo tra il sommo poeta e il premier Renzi: “Del resto, si sa che i politici fiorentini hanno un caratteraccio. Non gli andava bene essere guelfo, bianco o nero, né ghibellino. Voleva fondare il partito personale di Dante, insomma il Pd dell'epoca". 

Solo dopo il comico di Prato ha cominciato a recitare a memoria il canto XXXIII del Paradiso.
autore / Marco Guerra
Marco Guerra
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]