Dopo Gentile tocca a Formigoni: “Dimissioni a 5Stelle”. Ma nel Pd…

04 marzo 2014 ore 13:20, intelligo
Dopo Gentile tocca a Formigoni: “Dimissioni a 5Stelle”. Ma nel Pd…
Dimissioni, sfiducia: parole-chiave dei parlamentari grillini che sul caso dei sottosegretari e dei politici indagati lanciano una nuova offensiva, dentro e fuori il parlamento. Non sono i soli, perché con le dovute differenze di toni e prese di posizioni, un certo malumore sta serpeggiando anche nelle retrovie del Pd, in particolare in quelle della minoranza dem.
“Formigoni si dimetta da presidente della Commissione Agricoltura del Senato”. Così il M5S rilancia sottolineando che “si tratta di un atto dovuto per rispetto delle istituzioni dopo il rinvio a giudizio per associazione per delinquere e corruzione del senatore Formigoni coinvolto nel "caso Maugeri". Lo chiede in una nota Daniela Donno, parlamentare dei 5Stelle che argomenta: “Nei prossimi giorni in Commissione Agricoltura” a Palazzo Madama “si discuterà tutta la politica agricola comunitaria e la posizione della presidenza deve essere al di sopra di ogni sospetto”. Infine, i pentastellati rivendicano le dimissioni del sottosegretario Gentile (per il quale era già pronta una mozione di sfiducia alla Camera e al Senato) come una “vittoria: la pressione politica del Movimento 5 Stelle ha portato i suoi frutti. Ora il passo successivo. Visti i fatti emersi, a tutela dell'istituzione chiediamo anche le dimissioni di Gentile da segretario della Presidenza del Senato”: è la linea dei capigruppo Federico d’Inca e Maurizio Santangelo. Guai in vista per la maggioranza di Renzi?
autore / intelligo
caricamento in corso...
caricamento in corso...
[Template ADV/Publy/article_bottom_right not found]